SHARE
 
 

 Conversazione con Elena Kostjukovich e Fausto Malcovati

 
   

Il tema la donna in Dostoevskij è tra i più affascinanti: abbiamo figure femminili forti, sagge, energiche, come Sonja Marmeladova in Delitto e castigo, che spinge Raskol’nikov a confessare il delitto, abbiamo fascinose seduttrici che portano alla rovina gli uomini che amano, come Nastasja Filippovna ne L’idiota, abbiamo rigide puritane che non ammettono fragilità come Katerina in Fratelli Karamazov. In generale la donna per Dostevskij è davvero un enigma: capace di straordinari gesti di generosità ma anche di violenze, aggressività, durezze. C’è anche da domandarsi: perché i veri protagonisti sono sempre gli uomini?

Elena Kostjukovich è scrittrice, saggista e traduttrice russa. È curatrice delle collane russe per le case editrici italiane Bompiani e Frassinelli. Ha curato la diffusione in Italia di alcuni autori russi, tra cui Ljudmila Ulickaja, Boris Akunin, Nina Lugovskaja, e ha tradotto in russo i libri di Umberto Eco.

Fausto Malcovati ha insegnato Letteratura russa e Storia del teatro russo all’Università degli Studi di Milano. Ha curato l’edizione italiana di numerose opere di Dostoevskij, Gogol’, Turgenev, Čechov e dei simbolisti russi  e ha condotto preziose ricerche sui maestri della regia russa dell’inizio del XX secolo.


In occasione dello spettacolo
Delitto e castigo>>
per lo spettacolo
Prospettiva Dostoevskij>>

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Non è presente nessun elemento


Non sono presenti date

 
PROSSIMAMENTE