La narrativa commenta e analizza la vita, il teatro la mostra.

Anton Čechov

La drammaturgia occupa un posto importante nell’opera di Claudio Magris.

I suoi testi teatrali – a volte in forme chiuse come il monologo, a volte in forme più aperte e corali – accolgono quella “scrittura notturna” che fa emergere verità più profonde, quelle che magari non si sa neppure di possedere e che anzi, a volte, addirittura “tradiscono” perché contraddicono quello in cui si crede. Non a caso, come annota Guido Davico Bonino, queste pièces rientrano in una “Drammaturgia del Disagio”.

Gli attori del Teatro Parenti daranno voce ad alcuni testi teatrali di Magris.

Le voci, la storia di un personaggio solitario, di un uomo che si innamora delle voci femminili registrate nelle segreterie telefoniche, costruendo un universo di follia in cui le donne in carne ed ossa sono solo “simulacri” senza senso.

Lei dunque capirà, il racconto, ispirato al mito di Orfeo, di un amore totale e fallito, di un’unione struggente e rifiutata; qui, da un’oscurità misteriosa, prende la parola una Euridice moderna che mostra una forza tenera e spietata nello svelare la grandezza e le meschinità della vita e della morte, in un disincantato e toccante omaggio alla femminilità.

Essere già stati, un microdramma in forma di monologo che esplode nella tensione estrema del desiderio di aver già vissuto, di vivere postumi rispetto a sé stessi.

La mostra mette in scena il destino tragico di un uomo, un artista morto in manicomio, e la sua regale, anarchica e colpevole autodistruzione: la folle e contraddittoria necessità di amare la vita, e di spegnerne l’amore quando fa troppo male.

3 Dicembre 2023

Ti potrebbe interessare

Ti potrebbe interessare

Incontri e Libri

Storia e teatro: Giacomo Matteotti e noi

24 Maggio 2024

La figura politica, intellettuale e morale di Giacomo Matteotti, ucciso il 10 giugno 1924 da sicari fascisti, non ha perso la sua forza esemplare. A parlarne Concetto Vecchio – giornalista e autore di Io vi accuso. Giacomo Matteotti e noi – in dialogo con Elena Cotugno, protagonista dello spettacolo Giacomo. Un intervento d’arte drammatica in ambito politico in scena il 30 Maggio al Parenti. Conduce Oliviero Ponte di Pino.

La figura politica, intellettuale e morale di Giacomo Matteotti, ucciso il 10 giugno 1924 da sicari fascisti, non ha perso la sua forza esemplare. A parlarne Concetto Vecchio – giornalista e autore di Io vi accuso. Giacomo Matteotti e noi – in dialogo con Elena Cotugno, protagonista dello spettacolo Giacomo. Un intervento d’arte drammatica in ambito politico in scena il 30 Maggio al Parenti. Conduce Oliviero Ponte di Pino.

Cinema
La Grande Età, insieme

Careseekers. Un docufilm sulla cura

27 Maggio 2024

Un documentario sul complicato e intenso rapporto tra chi ha bisogno di cura e chi della cura ne ha fatto il proprio lavoro. Il racconto di quattro storie che si incontrano in un surreale viaggio in macchina per la Pianura Padana.

Un documentario sul complicato e intenso rapporto tra chi ha bisogno di cura e chi della cura ne ha fatto il proprio lavoro. Il racconto di quattro storie che si incontrano in un surreale viaggio in macchina per la Pianura Padana.

Incontri e Libri

Città. Milano inaspettata

con Giangiacomo Schiavi e Giorgio Terruzzi
29 Maggio 2024

Giangiacomo Schiavi e Giorgio Terruzzi presentano il nuovo numero di Città. Milano inaspettata. Un numero che illumina storie cariche di umanità e luoghi dell’anima.

Giangiacomo Schiavi e Giorgio Terruzzi presentano il nuovo numero di Città. Milano inaspettata. Un numero che illumina storie cariche di umanità e luoghi dell’anima.

Incontri e Libri

Incontro con Antonio Di Bella

L’impero in bilico. L’America al bivio tra crisi e riscossa
30 Maggio 2024

«Questo libro vuole cercare di superare gli stereotipi di destra e sinistra e raccontare l’America di Trump e di Biden con tutte le sue contraddizioni e le sue ragioni.» Attraverso vicende, aneddoti, protagonisti e testimoni, un’indagine degli ultimi venti anni di storia americana, nell’anno delle elezioni che vedono il possibile ritorno di Trump alla Casa Bianca.

«Questo libro vuole cercare di superare gli stereotipi di destra e sinistra e raccontare l’America di Trump e di Biden con tutte le sue contraddizioni e le sue ragioni.» Attraverso vicende, aneddoti, protagonisti e testimoni, un’indagine degli ultimi venti anni di storia americana, nell’anno delle elezioni che vedono il possibile ritorno di Trump alla Casa Bianca.