Il malato immaginario

6 - 23 Ottobre 2022
giovedì 6 Ottobre h 21:00
venerdì 7 Ottobre h 19:45
sabato 8 Ottobre h 19:45
domenica 9 Ottobre h 16:15
martedì 11 Ottobre h 20:00
mercoledì 12 Ottobre h 19:45
giovedì 13 Ottobre h 21:00
venerdì 14 Ottobre h 19:45
sabato 15 Ottobre h 19:45
domenica 16 Ottobre h 16:15
martedì 18 Ottobre h 20:00
mercoledì 19 Ottobre h 19:45
giovedì 20 Ottobre h 21:00
venerdì 21 Ottobre h 19:45
sabato 22 Ottobre h 19:45
domenica 23 Ottobre h 16:15

Sala Grande

2 ore e 15 minuti

PRIMO SETTORE
intero 38€
SECONDO SETTORE
intero 28€; under26/over65 18€; convenzioni 21€
TERZO SETTORE
intero 15€
_________________________

Tutti i prezzi non includono i diritti di prevendita.
_______________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Invito a teatroAbbonamento SpecialeCard libera 22-23

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Molière
traduzione Cesare Garboli
regia Andrée Ruth Shammah

con Gioele Dix
Anna Della Rosa
e tra gli altri Marco Balbi, Francesco Brandi, Pietro Micci, Marina Occhionero

scene e costumi Gianmaurizio Fercioni
luci Gigi Saccomandi
musiche Michele Tadini e Paolo Ciarchi

scene dipinte da Santino Croci e Federico Carrassi
e realizzate da Tommaso Serra presso il Laboratorio del Teatro Franco Parenti
costumi realizzati dalla sartoria del Teatro Franco Parenti diretta da Simona Dondoni

produzione Teatro Franco Parenti

Nell’anno del suo Cinquantesimo e a quattrocento anni dalla nascita di Molière, il Parenti dà inizio a una trilogia dedicata al drammaturgo francese partendo proprio da quel Malato immaginario che agli inizi degli anni ’80 irruppe nel teatro italiano nel coraggioso allestimento di Andrée Ruth Shammah, con uno straordinario Franco Parenti nel ruolo di Argan.

Ad interpretare il malato, torna con intelligenza e ironia, Gioele Dix, già protagonista della pièce nell’allestimento 2015 che registrò allora un mese di sold out.

Sotto la candida cuffia di pizzo, con la vestaglia bianca e le calze molli sui piedi ciabattanti, l’Argan, interpretato con intelligenza e ironia da Gioele Dix, testimonia la paura e la solitudine del nostro tempo, l’incapacità genetica di prendere decisioni

Accanto a lui Anna Della Rosa, nel ruolo della domestica intrigante, una perfetta coppia di serva e padrone, a volte bonariamente sboccata, a volte lucidamente beckettiana. La messinscena, (…) è imbastita con eleganza e sofisticheria, grazie anche alle scene e ai costumi di Gianmaurizio Fercioni, tra tulle e velluti, preziose mantelle e lampadari luccicanti. Affianca i due bravi protagonisti un ottimo cast (…) ben affiatato, dal perfetto tempismo comico, ma mai gigionesco, nonostante le risate del pubblico e gli applausi a scena aperta. Camilla Tagliabue – il Fatto Quotidiano.

Testo arduo, tragedia mascherata e vibrante. Bella scommessa [...] Gioele Dix si sacrifica fino a una quasi estrema immobilità beckettiana. Mirabile, è un attore che sa far ridere, non un comico che si improvvisa attore [...] merito della regista, come al solito impeccabile: Ruth Shammah [...] Attento, recettivo, sornione [...] e soprattutto, vero attore drammatico, ottimamente accompagnato: bravi Anna Della Rosa, Marco Balbi, Valentina Bartolo...tutti. E le solite luci magiche di Gigi Saccomandi.
Roberto Mussapi - Avvenire
La Shammah ci regala uno spettacolo vivido e calibrato, imperniato sulla bravura di Gioele Dix: un memorabile Argan in cuffia e calzerotti [...]
Roberto Barbolini - Il Giorno

Bravo Gioele Dix [...] conquista il teatro esaurito che lo applaude calorosamente come un eroe.

Anna Bandettini - la Repubblica
Magnifica traduzione di Cesare Garboli. Nel segno di una pulizia classica fuori dal tempo, la regia di Shammah lavora sul peso specifico di ogni parola, sulle ambiguità dei personaggi. [...] le eleganti scene di Gian Maurizio Fercioni che disegnano lo spazio in una geometria di linee convergenti sulla poltrona rossa di Argan. Tutto è in luce, ma sull’orlo del nero. [...] segnaliamo Anna Della Rosa, nel ruolo di Tonina che fu di Lucilla Morlacchi: strepitosa. E l’esordiente Francesco Brandi.
Sara Chiappori - la Repubblica
La regia della Shammah conserva quelle geometrie sottilmente metafisiche che caratterizzavano la versione originale [...] Sono ancora elegantissimi i costumi senza tempo di Gian Maurizio Fercioni, ed elegantissima è la sua scenografia [...] Svetta una maiuscola Anna Della Rosa nel ruolo della Tonina un po’ infermiera un po’ monaca-guerriera: la scena in cui si traveste da medico è un pezzo di bravura.
Renato Palazzi - Il Sole 24 Ore
Nel limpido spettacolo di Shammah, che riallestisce la trasparente, asettica scenografia di Gian Maurizio Fercioni del 1980 [...], eccellono alcuni interpeti minori, da Francesco Brandi a Pietro Micci e Valentina Bartolo. Eroico Gioele Dix.
Franco Cordelli - Corriere della Sera
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

6 - 23 Ottobre 2022

acquista
giovedì 6 Ottobre h 21:00
venerdì 7 Ottobre h 19:45
sabato 8 Ottobre h 19:45
domenica 9 Ottobre h 16:15
martedì 11 Ottobre h 20:00
mercoledì 12 Ottobre h 19:45
giovedì 13 Ottobre h 21:00
venerdì 14 Ottobre h 19:45
sabato 15 Ottobre h 19:45
domenica 16 Ottobre h 16:15
martedì 18 Ottobre h 20:00
mercoledì 19 Ottobre h 19:45
giovedì 20 Ottobre h 21:00
venerdì 21 Ottobre h 19:45
sabato 22 Ottobre h 19:45
domenica 23 Ottobre h 16:15

Sala Grande

2 ore e 15 minuti

PRIMO SETTORE
intero 38€
SECONDO SETTORE
intero 28€; under26/over65 18€; convenzioni 21€
TERZO SETTORE
intero 15€
_________________________

Tutti i prezzi non includono i diritti di prevendita.
_______________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Invito a teatroAbbonamento SpecialeCard libera 22-23

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

X Chiudi

Il malato immaginario

6 - 23 Ottobre 2022
*tariffa intera prima di riduzioni
venerdì 7 Ottobre 2022

h 19:45

sabato 8 Ottobre 2022

h 19:45

domenica 9 Ottobre 2022

h 16:15

martedì 11 Ottobre 2022

h 20:00

mercoledì 12 Ottobre 2022

h 19:45

giovedì 13 Ottobre 2022

h 21:00

venerdì 14 Ottobre 2022

h 19:45

sabato 15 Ottobre 2022

h 19:45

domenica 16 Ottobre 2022

h 16:15

martedì 18 Ottobre 2022

h 20:00

mercoledì 19 Ottobre 2022

h 19:45

giovedì 20 Ottobre 2022

h 21:00

venerdì 21 Ottobre 2022

h 19:45

sabato 22 Ottobre 2022

h 19:45

domenica 23 Ottobre 2022

h 16:15

Ti potrebbe interessare

La vita davanti a sé

13 - 21 Settembre 2022

Dopo il tutto esaurito della scorsa stagione, torna al Parenti Silvio Orlando, in stato di grazia, superlativo nello spettacolo da lui stesso diretto. Con leggerezza e ironia, ci conduce dentro le pagine del capolavoro di Romain Gary, dove la commozione e il divertimento si inseguono senza respiro.

A spasso con Daisy

25 - 30 Ottobre 2022

La bravissima Milena Vukotic, una vera signora del teatro, dà vita all’anziana Daisy in una storia delicata e divertente, capace di raccontare con umorismo un tema complesso come quello del razzismo nell’America del dopoguerra.

Il delitto di via dell’Orsina

17 Novembre - 4 Dicembre 2022

Dopo il successo della scorsa stagione, torna al teatro Parenti uno degli atti unici più conosciuti di un gigante della drammaturgia come Eugène Labiche. Uno spettacolo leggero e divertente, una riflessione sull’insensatezza e l’assurdità della vita. Regia Andrée Ruth Shammah, con Massimo Dapporto e Antonello Fassari.

Agnello di Dio

13 - 18 Dicembre 2022

Piero Maccarinelli porta in scena il potente testo di Daniele Mencarelli, già vincitore del Premio Strega Giovani 2020 con il suo romanzo Tutto chiede salvezza. Uno spettacolo sui valori e il problema della loro trasmissione ai giovani, di educazione delle nuove generazioni e della grande difficoltà con cui i padri cercano di comprendere i figli.