22 Marzo - 10 Aprile 2022

L’intero incasso della prima dello spettacolo verrà devoluto al fondo #MilanoAiutaUcraina, il fondo costituito dalla Fondazione di Comunità Milano su impulso del Comune di Milano per sostenere progetti di aiuto ed accoglienza della popolazione ucraina, promossi da organizzazioni pubbliche e/o del privato sociale presenti nel territorio di riferimento della Fondazione.

martedì 22 Marzo h 20:30
mercoledì 23 Marzo h 19:15
giovedì 24 Marzo h 20:30
venerdì 25 Marzo h 19:15
sabato 26 Marzo h 19:15
domenica 27 Marzo h 15:45
martedì 29 Marzo h 20:30
mercoledì 30 Marzo h 19:15
giovedì 31 Marzo h 20:30
venerdì 1 Aprile h 19:15
sabato 2 Aprile h 19:15
domenica 3 Aprile h 15:45
martedì 5 Aprile h 20:30
mercoledì 6 Aprile h 19:15
giovedì 7 Aprile h 20:30
venerdì 8 Aprile h 19:15
sabato 9 Aprile h 19:15
domenica 10 Aprile h 15:45

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala AcomeA

1 ora e 30 minuti

I settore > intero 30€
II settore > intero 22€; under26/over65 15€; convenzioni 18€
Galleria > intero 18€; under26/over65 15€; convenzioni 15€

_________________________

Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita

_________________________

Lo spettacolo è inserito nell’abbonamento INVITO A TEATRO con possibilità di prenotare i posti dal II settore.
_________________________

 

 

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Riscoprire certezzeCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

dal romanzo di Fëdor Dostoevskij
progetto e regia Alberto Oliva
adattamento Fabio Bussotti
con Elia Schilton e Fabio Bussotti
scene Csaba Antal
luci Paolo Casati
video Alberto Sansone
costumi Simona Dondoni

assistente alla regia Fabrizio Kofler
maschera Ilaria Ariemme
macchinista Filippo Strametto
elettricista Gianni Gajardo
fonico Mike Allen Reyes
sarto Giacomo Viganò

costumi realizzati presso la sartoria del Teatro Franco Parenti diretta da Simona Dondoni
si ringraziano gli allievi dell’Accademia del Centro Teatro Attivo

produzione Teatro Franco Parenti

Elia Schilton è protagonista de Il sosia, storia di uno sdoppiamento psichico che conduce il protagonista alla follia.

Goljadkin è un personaggio del sottosuolo, drogato di vita, ma sempre più inadatto alle relazioni sociali. Apre la porta – o forse è uno specchio? – e gli appare un sosia allucinato e spaventoso, divertente e assurdo, in grado di sconvolgere completamente la sua esistenza. L’allucinazione del doppio produce sogno, smarrimento, visioni, ogni riflessione si sdoppia, ogni esperienza si divide in un gioco di specchi dal grande potenziale teatrale.

Goljadkin piano piano perde coscienza di ciò che è reale e di ciò che esiste solo nella sua immaginazione. La scissione dell’io, lo scontro tra un io impacciato, tormentato, goffo, eternamente perseguitato e un io sfrontato, aggressivo.

Dostoevskij racconta la follia della vita, l'assurdità dell'orgoglio e la crisi dell'io. Dove finisce la realtà e inizia l'allucinazione?

GIOVEDÌ 31 MARZO
La replica dello spettacolo del sarà preceduta da una breve presentazione della nuova edizione de Il sosia, edito da Neri Pozza. Saranno presenti la curatrice e traduttrice Serena Prina e il regista Alberto Oliva. All’ingresso saranno disponibili copie da acquistare.

  • 1 di 7. © Noemi Ardesi
  • 2 di 7. © Noemi Ardesi
  • 3 di 7. © Noemi Ardesi
  • 4 di 7. © Noemi Ardesi
  • 5 di 7. © Noemi Ardesi
  • 6 di 7. © Noemi Ardesi
  • 7 di 7. © Noemi Ardesi
Lectio di Paolo Nori
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

22 Marzo - 10 Aprile 2022

L’intero incasso della prima dello spettacolo verrà devoluto al fondo #MilanoAiutaUcraina, il fondo costituito dalla Fondazione di Comunità Milano su impulso del Comune di Milano per sostenere progetti di aiuto ed accoglienza della popolazione ucraina, promossi da organizzazioni pubbliche e/o del privato sociale presenti nel territorio di riferimento della Fondazione.

martedì 22 Marzo h 20:30
mercoledì 23 Marzo h 19:15
giovedì 24 Marzo h 20:30
venerdì 25 Marzo h 19:15
sabato 26 Marzo h 19:15
domenica 27 Marzo h 15:45
martedì 29 Marzo h 20:30
mercoledì 30 Marzo h 19:15
giovedì 31 Marzo h 20:30
venerdì 1 Aprile h 19:15
sabato 2 Aprile h 19:15
domenica 3 Aprile h 15:45
martedì 5 Aprile h 20:30
mercoledì 6 Aprile h 19:15
giovedì 7 Aprile h 20:30
venerdì 8 Aprile h 19:15
sabato 9 Aprile h 19:15
domenica 10 Aprile h 15:45

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala AcomeA

1 ora e 30 minuti

I settore > intero 30€
II settore > intero 22€; under26/over65 15€; convenzioni 18€
Galleria > intero 18€; under26/over65 15€; convenzioni 15€

_________________________

Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita

_________________________

Lo spettacolo è inserito nell’abbonamento INVITO A TEATRO con possibilità di prenotare i posti dal II settore.
_________________________

 

 

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Riscoprire certezzeCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

X Chiudi

L’intero incasso della prima dello spettacolo verrà devoluto al fondo #MilanoAiutaUcraina, il fondo costituito dalla Fondazione di Comunità Milano su impulso del Comune di Milano per sostenere progetti di aiuto ed accoglienza della popolazione ucraina, promossi da organizzazioni pubbliche e/o del privato sociale presenti nel territorio di riferimento della Fondazione.

Il sosia

22 Marzo - 10 Aprile 2022
Ti potrebbe interessare

Bum ha i piedi bruciati

Un monologo sulla vita di Giovanni Falcone
17 - 22 Maggio 2022

La vita di Giovanni Falcone attraverso gli occhi di un giovane padre palermitano, il cui vissuto personale inevitabilmente si intreccia agli episodi più eclatanti della vita del magistrato. Alternando leggerezza e profondità, Dario Leone emoziona il pubblico e fa capire quanto è importante riuscire a vincere la paura e a sconfiggere le prevaricazioni.

R. A. M.

15 Giugno - 2 Luglio 2022

Si può cancellare la memoria, estirparla come si fa con un arto malato? Edoardo Erba, drammaturgo tra i più noti e affermati in Italia e il giovane regista Michele Mangini, nel tentativo di rispondere a questa domanda, ci trasportano in un futuro distopico.