Incontro con Matteo Renzi

In occasione dell’uscita del suo libro Il Mostro

21 Maggio 2022
sabato 21 Maggio h 11:30

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

Ingresso gratuito con prenotazione

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Incontro con Mattero Renzi
in occasione dell’uscita del suo libro
Il Mostro. Inchieste, scandali e dossier. Come provano a distruggerti l’immagine (ed. Piemme)

Una ricostruzione lucida e allo stesso tempo accorata del funzionamento della giustizia italiana e di un certo legame con alcuni organi di informazione.

Una ricostruzione che, tassello dopo tassello, evidenzia come il cattivo uso di un potere costituito possa distruggere la carriera e la vita di ogni singolo cittadino, non solo di personaggi pubblici.

«In questo libro racconto dei fatti. Atti e fatti. Non ci sono commenti, suggestioni, analisi sociologiche. Ci sono dei dati di fatto che forse vi faranno pensare. Hanno arrestato i miei genitori con un provvedimento subito dopo annullato, hanno sequestrato i telefonini ai miei amici non indagati, hanno cambiato nomi nei documenti ufficiali per indagare sulle persone a me vicine, hanno scritto il falso in centinaia di articoli, hanno pubblicato lettere privatissime tra me e mio padre, mi hanno fotografato negli autogrill e mentre uscivo dal bagno di un aereo, hanno controllato e pubblicato tutte le voci del mio estratto conto, hanno violato la Costituzione per controllare i miei messaggi di WhatsApp. Io non voglio fare la vittima. Voglio raccontare ciò che è successo dicendo perché ho scelto di combattere a viso aperto contro le ingiustizie. Perché ho scelto di denunciare in sede civile e penale, convinto che la legge sia uguale per tutti. Per i politici, certo. Ma deve essere uguale per tutti davvero, anche per certi magistrati, anche per certi giornalisti. E mentre racconto atti e fatti che mi hanno reso un mostro agli occhi di molti miei connazionali, torno a confessare che io rifiuto il vittimismo. Perché io sono e resto un uomo felice. Chissà che sia questo ciò che – alla fine – non mi perdonano.»

Matteo Renzi replica punto per punto alle accuse che gli sono state rivolte dalla procura di Firenze: «Non accetterò di stare in silenzio davanti a fake news e diffamazioni varie».

Matteo Renzi nato nel 1975, è stato il più giovane Presidente del Consiglio dei Ministri del nostroPaese, guidando il Governo per oltre mille giorni. Ha promosso e firmato alcune leggi tra le più discusse degli ultimi anni: il JobsAct, Industria 4.0, le unioni civili, la riforma del terzo settore, la Buona Scuola, la fatturazione elettronica e la dichiarazione precompilata, il piano nazionale per la Banda larga, lo Sblocca Italia, il progetto “Un euro in sicurezza, un euro in cultura”, la 18App e il Bonus 80€. Attualmente Senatore della Repubblica, è stato anche capo scout, arbitro di calcio, sindaco di Firenze, docente alla Stanford University, autore televisivo. È stato il promotore della candidatura di Sergio Mattarella nel 2015 e il principale sostenitore del cambio della guardia tra Conte e Draghi nel 2021. Ha guidato l’Unione Europea nel secondo semestre del 2014. Oggisiede in diversi advisory board di varie organizzazioni internazionali. Ha scritto alcuni libri: l’ultimo è Controcorrente (Piemme, 2021). È sposato e ha tre figli.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

21 Maggio 2022

prenota
sabato 21 Maggio h 11:30

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

Ingresso gratuito con prenotazione

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

X Chiudi

Incontro con Matteo Renzi

21 Maggio 2022
Ti potrebbe interessare

Claudio Martelli dialoga con Matteo Renzi

In occasione della presentazione del suo ultimo libro Vita e persecuzione di Giovanni Falcone
11 Luglio 2022

Per rispetto di Falcone, dei ragazzi che non hanno vissuto quel tempo, degli adulti che non lo hanno capito o lo hanno dimenticato, sento il dovere di tornare a riflettere per raccontare le verità di allora e quelle più recenti che ho appreso insieme al ruolo di chi, nel bene e nel male, ne fu protagonista dentro le istituzioni dello Stato, nella società e nel mondo dell’informazione.