La corsa dietro il vento

Dino Buzzati o l'incanto del mondo

15 - 20 Marzo 2022
© Laila Pozzo
martedì 15 Marzo h 20:00
mercoledì 16 Marzo h 19:45
giovedì 17 Marzo h 21:00
venerdì 18 Marzo h 19:45
sabato 19 Marzo h 19:45
domenica 20 Marzo h 16:15

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

1 ora e 45 minuti

I settore> intero 38€
II settore > intero 30€; under26/over65 18€; convenzioni 21€
III settore > intero 21€; under26/over65 18€; convenzioni 21€
_________________________
Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_______________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento SpecialeCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
drammaturgia e regia Gioele Dix
con Gioele Dix
e con Valentina Cardinali
scene Angelo Lodi
musiche Savino Cesario
costumi Marina Malavasi e Gentucca Bini
disegno luci Carlo Signorini
produzione Centro Teatrale Bresciano
in collaborazione con Giovit
distribuzione Retropalco srl

Ispirato ai racconti di Dino Buzzati, uno spettacolo tra ironia e risate, ombre e attese, luci e misteri.

A 50 anni dalla morte di Dino Buzzati, genio visionario del ‘900 italiano, Gioele Dix dedica il suo nuovo spettacolo al grande scrittore bellunese, del quale è da sempre appassionato conoscitore ed estimatore.

Sotto il palazzo in cui abita un grande scrittore, piove dall’alto nel cuore della notte una pallottola di carta. Che cosa conterrà? Appunti senza importanza o versi indimenticabili da salvare? Da questo affascinante spunto, tratto da un racconto di Dino Buzzati, prende il via La corsa dietro il vento.

Ambientato in una sorta di laboratorio letterario, a metà fra una tipografia e un magazzino della memoria, Gioele Dix compone, con fine ironia, il complicato labirinto di desideri e fallimenti al quale volenti o nolenti siamo tutti destinati.

Un variegato mosaico di personaggi e vicende umane strabilianti: relazioni, esperienze, sentimenti, sogni e inconfessabili fantasie. L’attore intreccia letteratura ed esperienza di vita, le proprie inquietudini, le proprie comiche insofferenze e ci guida in un inedito viaggio teatrale, sempre in bilico fra illuminazioni e misteri, illusioni e risate.

Ho cominciato a leggere i racconti di Dino Buzzati all’età di dodici anni. Sono diventati parte del mio immaginario. La sua voce assomiglia spesso alla mia. Lo considero l’inventore di racconti perfetti, che non solo ti avvincono – perché vuoi sapere come vanno a finire – ma ti lasciano sempre un segno dentro, ineffabile però familiare.
Gioele Dix
  • 1 di 4. © Laila Pozzo
  • 2 di 4.
  • 3 di 4.
  • 4 di 4. © Laila Pozzo
Bruno Pellegrino in mostra ai Bagni Misteriosi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

15 - 20 Marzo 2022

martedì 15 Marzo h 20:00
mercoledì 16 Marzo h 19:45
giovedì 17 Marzo h 21:00
venerdì 18 Marzo h 19:45
sabato 19 Marzo h 19:45
domenica 20 Marzo h 16:15

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

1 ora e 45 minuti

I settore> intero 38€
II settore > intero 30€; under26/over65 18€; convenzioni 21€
III settore > intero 21€; under26/over65 18€; convenzioni 21€
_________________________
Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_______________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento SpecialeCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

X Chiudi

La corsa dietro il vento

15 - 20 Marzo 2022
Ti potrebbe interessare

Anna dei miracoli

10 - 22 Maggio 2022

Una storia vera sull’epocale passaggio alla lingua dei segni: una storia che racconta tanto di noi, dei nostri limiti e del coraggio necessario a superarli. Con Mascia Musy, regia Emanuela Giordano. Produzione Teatro Franco Parenti per l’Associazione Lega del Filo d’Oro.

La fine del mondo

25 - 29 Maggio 2022

In una Venezia contemporanea e avveniristica, nel suo ultimo giorno prima dell’affondamento, la vicenda di quattro ragazzi si fa metafora della fine del mondo. Di Fabrizio Sinisi, regia Claudio Autelli.