1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti
1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti
23 - 25 Maggio 2023
martedì 23 Maggio h 21:00
mercoledì 24 Maggio h 20:15
giovedì 25 Maggio h 18:45

Sala Treno Blu

45 minuti

POSTO UNICO
intero 18,50€ + 1,50€ quota energia;
under26/over65 15€; convenzioni 15€
_________________________

Tutti i prezzi non includono i diritti di prevendita.
_______________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Card libera 22-23

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di e con Dario D’Ambrosi
scene e costumi Raffaella Toni

produzione Teatro Patologico

Dario D’Ambrosi, uno dei maggiori artisti d'avanguardia italiani e fondatore del Teatro Patologico, in scena con uno dei suoi spettacoli più celebri. Un monologo che affronta in maniera originale il tema della solitudine, unendolo alla tragedia della follia.

All’interno di una stanza silenziosa piena di vecchi mobili un uomo è intento ad aggiustare dei piatti rotti sparsi per la scena. Tratta gli oggetti che lo circondano con cura, rivolgendosi a loro come se fossero vivi e, facendo così, li anima, tanto da confondere realtà ed immaginario. L’isolamento in cui vive è talmente forte che l’unico possibile dialogo è con sé stesso. Ecco allora che per quest’uomo, ignorato dal resto del mondo, una semplice trota può diventare il suo fulcro esistenziale.

Lo spettacolo si racchiude in una semplice equazione matematica: assenza di amore uguale morte. Il bisogno di tenerezza dell’uomo è talmente forte da scatenare il desiderio di morire per un unico, estremo gesto d’amore. Non c’è possibilità di salvezza quando si è soli e soprattutto ci si sente soli.

La pièce affronta il tema della solitudine in modo assolutamente originale, unendo ad esso la tragedia della follia, che fa da contorno a un racconto che solo nel finale si fa fantastico e metaforico: l’uomo che voleva mangiare il pesce è, infine, mangiato da lui. Il mondo folle e bizzarro dei malati di mente offre una grande opportunità: capovolgere il mondo reale.

In scena
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

23 - 25 Maggio 2023

acquista
martedì 23 Maggio h 21:00
mercoledì 24 Maggio h 20:15
giovedì 25 Maggio h 18:45

Sala Treno Blu

45 minuti

POSTO UNICO
intero 18,50€ + 1,50€ quota energia;
under26/over65 15€; convenzioni 15€
_________________________

Tutti i prezzi non includono i diritti di prevendita.
_______________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Card libera 22-23

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

X Chiudi

La trota

23 - 25 Maggio 2023
*tariffa intera prima di riduzioni
martedì 23 Maggio 2023

h 21:00

mercoledì 24 Maggio 2023

h 20:15

giovedì 25 Maggio 2023

h 18:45

Ti potrebbe interessare

La leggenda del santo bevitore

25 Gennaio - 19 Febbraio 2023

Andrée Ruth Shammah sceglie di riallestire il testo di Joseph Roth, che quindici anni fa vide protagonista Piero Mazzarella. Sarà il maestro Carlo Cecchi, con un tono ironico e distaccato, a disvelare la parabola del protagonista Andreas.

Uomo e galantuomo

di Eduardo De Filippo
1 - 12 Febbraio 2023

Una commedia dal meccanismo perfetto, primo straordinario testo in tre atti di Eduardo, scritto a soli 22 anni. Con Geppy Gleijeses, Lorenzo Gleijeses, Ernesto Mahieux, diretti da Armando Pugliese.

La Maria Brasca

di Giovanni Testori, uno spettacolo di Andrée Ruth Shammah
14 Febbraio - 5 Marzo 2023

A trent’anni dalla prima edizione con Adriana Asti e nel centenario della nascita di Giovanni Testori, Andrée Ruth Shammah riporta in scena La Maria Brasca. Nei panni di questa eccezionale figura femminile – che grida al mondo la potenza della passione, l’amore per la vita vissuta fuori da ogni costrizione, convenzione o compromesso – Marina Rocco.

Il movimento del nulla

21 - 26 Febbraio 2023

“Non manterremo le promesse, ma noi ve lo diciamo prima”. Questo il motto del movimento politico di Gene Gnocchi. In scena, la sua convention tutta da ridere e riflettere. Un monologo dai contorni politici e facilmente intuibili fin dal titolo: Il Nulla.