Lo Sbarbato irregolare

Omaggio a Umberto Simonetta

14 Dicembre 2021
martedì 14 Dicembre h 18:30

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Café Rouge

Biglietto TFP cortesia 3,50€

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

In occasione della ripubblicazione del romanzo
“Lo Sbarbato” di Umberto Simonetta (Baldini+Castoldi, 2021)
Intervengono:
Luca Daino, docente di letteratura italiana contemporanea alla Statale di Milano,
Piero Colaprico, giornalista e scrittore.

Luca Sandri e Federico Zanandrea leggeranno brani del libro.

Milano di notte è proprio un’altra cosa, e non è per le luci o per la gente che ha una faccia diversa da quella che ha di giorno, ma a me dà l’idea che la notte da un momento all’altro ti possa tirar fuori delle sorprese.

Lo Sbarbato, capitolo iniziale di una «trilogia della gioventù milanese» che comprende Tirar mattina (pubblicato nel 2018 da Baldini+Castoldi) e Il giovane normale, racconta la storia, ambientata nella Milano a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta, della strana amicizia tra un ragazzo di buona famiglia e un ladruncolo, il Mangia. Mario, un sedicenne liceale, diventa amico del Mangia che, dopo averlo soprannominato lo Sbarbato, gli spalanca le porte del bar Torretti, dove conosce altri ragazzi – l’Ernesto del Tic che finge di avere tic nervosi, l’Angiolino, il Giulio Etabeta dalla faccia a triangolo, il Bianco che beve solo vino bianco, la Graschelli che con la Grace Kelly di Monaco non ha niente a che fare – che vivono ai margini della legalità credendo che tutto sia possibile, che ci si possa misurare contro tutti e tutto, alla ricerca di quella che suppongono essere l’avventura. Impara così a imbrogliare la famiglia, soprattutto il padre, ingegnere benpensante rigido e severo, a falsificare la pagella e a girare con il coltello. Mario e il Mangia stringono un legame proprio perché sono all’opposto e l’uno nell’altro vedono ciò che vorrebbero diventare: Mario è attratto dalla libertà dell’amico e il Mangia dal privilegio economico di Mario.
Teatro di queste microstorie è una Milano che non c’è più e, sullo sfondo, la cronaca sociale e politica dell’Italia di quegli anni. Lo Sbarbato trascina, esalta, diverte e commuove. L’occasione per scoprire o recuperare la vena comica e satirica, ma anche malinconica e amara di un appassionato narratore della nostra storia.

Umberto Simonetta (1926-1998) è nato a Milano e ha studiato in Svizzera. Scrittore, giornalista, autore teatrale, radiofonico e televisivo. Tra i suoi romanzi Tirar mattina (ripubblicato da Baldini+Castoldi nel 2018), Virgo, Il giovane normale, I viaggiatori della sera (dagli ultimi due saranno tratti nel 1969 e nel 1979 gli omonimi film di Dino Risi e Ugo Tognazzi). Ha collaborato per anni con Giorgio Gaber, per il quale scrive testi di canzoni indimenticabili come Trani a gogò, La ballata del Cerutti e Il Riccardo. Scrive anche pièce teatrali di successo: Sta per venire la rivoluzione e non ho niente da mettermi, in cui prende in giro il Sessantotto, Mi voleva Strehler (con Maurizio Micheli), spettacolo cult dal 1978 con oltre mille repliche all’attivo, Ne ho mangiata troppa (con Luca Sandri). Tra gli anni Sessanta e Novanta ha firmato decine di testi radiofonici e televisivi (tra cui Giandomenico Fracchia per Paolo Villaggio e Onda libera per Roberto Benigni). Ha scritto articoli di costume per periodici e quotidiani ed è stato critico cinematografico e teatrale.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

14 Dicembre 2021

martedì 14 Dicembre h 18:30

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Café Rouge

Biglietto TFP cortesia 3,50€

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

X Chiudi

Lo Sbarbato irregolare

14 Dicembre 2021