L’onore perduto di Katharina Blum

SPETTACOLO ANNULLATO

12 - 20 Gennaio 2021
© Simone Di Luca
martedì 12 Gennaio h 20:00
mercoledì 13 Gennaio h 19:45
giovedì 14 Gennaio h 21:00
venerdì 15 Gennaio h 20:00
sabato 16 Gennaio h 20:30
domenica 17 Gennaio h 16:15
martedì 19 Gennaio h 20:00
mercoledì 20 Gennaio h 19:45

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

1 ore e 45 minuti

I settore> intero 38€
II settore > intero 30€; under26/over65 18€; convenzioni 21€
III settore > intero 21€; under26/over65 18€; convenzioni 21€
_________________________
Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_______________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento SpecialeAbbonamento liberoPassepartoutCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

dal romanzo di Heinrich Böll
regia Franco Però
con Elena Radonicich, Peppino Mazzotta

e con Emanuele Fortunati, Ester Galazzi, Riccardo Maranzana, Francesco Migliaccio, Jacopo Morra, Maria Grazia Plos

scene Domenico Franchi
luci Pasquale Mari

produzione Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale, Teatro Stabile di Catania

Dal romanzo del premio Nobel Heinrich Böll, la spietata vicenda di Katharina Blum, un’irreprensibile governante che si invaghisce del rapinatore e sospetto terrorista Götten, e ne facilita la fuga. Katharina, ritenuta complice, è vittima di una violentissima campagna diffamatoria da parte della stampa scandalistica orchestrata dal giornalista Tötges: la sua esistenza è violata, il suo onore definitivamente compromesso.
Un lavoro di grande attualità per riflettere sulle responsabilità dei media di ieri e di oggi nella manipolazione dei fatti. In scena – dopo le felici esperienze al cinema e in TV – i bravissimi Peppino Mazzotta ed Elena Radonicich.

La tensione del racconto non cade mai, tenendo viva l’attenzione del pubblico per due ore filate senza intervallo. [...] Lo spettacolo è uno di quelli che non bisognerebbe perdere, se il teatro ha ancora una funzione sociale, qui ci si ritrovano assieme, ben proposti, molti temi della società attuale, anche se da quegli anni è trascorso ormai mezzo secolo.
Rossana Poletti - la voce del popolo
  • 1 di 7. © Simone Di Luca
  • 2 di 7. © Simone Di Luca
  • 3 di 7. © Simone Di Luca
  • 4 di 7. © Simone Di Luca
  • 5 di 7. © Simone Di Luca
  • 6 di 7. © Simone Di Luca
  • 7 di 7. © Simone Di Luca
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

12 - 20 Gennaio 2021

acquista biglietti
martedì 12 Gennaio h 20:00
mercoledì 13 Gennaio h 19:45
giovedì 14 Gennaio h 21:00
venerdì 15 Gennaio h 20:00
sabato 16 Gennaio h 20:30
domenica 17 Gennaio h 16:15
martedì 19 Gennaio h 20:00
mercoledì 20 Gennaio h 19:45

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

1 ore e 45 minuti

I settore> intero 38€
II settore > intero 30€; under26/over65 18€; convenzioni 21€
III settore > intero 21€; under26/over65 18€; convenzioni 21€
_________________________
Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_______________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento SpecialeAbbonamento liberoPassepartoutCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Indietro

L’onore perduto di Katharina Blum

12 - 20 Gennaio 2021
Ti potrebbe interessare

Il filo di mezzogiorno

1 - 6 Giugno 2021

Mario Martone, poliedrico regista teatrale e cinematografico e sceneggiatore incontra il mondo di Goliarda Sapienza – autrice del grande successo postumo L’arte della gioia. Con Donatella Finocchiaro.

Vaudeville!

Atti Unici da Eugène Labiche
30 Giugno - 4 Luglio 2021

Roberto Rustioni si confronta con il mondo della commedia in una riscrittura libera e vitale da Eugène Labiche, maestro nella costruzione di equivoci ed intrecci vorticosi che trascinano i personaggi in situazioni sempre più deliranti. Uno spettacolo che restituisce il volto più ridicolo e assurdo della condizione umana.