1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti
1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti

Mio figlio era come un padre per me

26 - 28 Aprile 2023
mercoledì 26 Aprile h 19:15
giovedì 27 Aprile h 20:30
venerdì 28 Aprile h 19:15

Sala A

PRIMO SETTORE (file A–F)
intero 18,50€ + 1,50€ quota energia;
SECONDO SETTORE (file G–S)
intero 16€; under26/over65 13,50€;
convenzioni 13,50€
GALLERIA (file T–ZZ)
intero 13,50€; under26/over65 13,50€; convenzioni 13,50€
_________________________

 Tutti i prezzi non includono i diritti di prevendita.

_______________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Card libera 22-23

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di e con Marta Dalla Via e Diego Dalla Via
scene e costumi Diego e Marta Dalla Via
partitura fisica Annalisa Ferlini
audio e luci Roberto Di Fresco
assistente di produzione Veronica Schiavone

produzione Fratelli Dalla Via / La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale
spettacolo vincitore Premio Scenario 2013

Marta e Diego Dalla Via, fratelli in teatro e nella vita, trattano il tema del suicidio attraverso una vicenda familiare che si staglia sul nord-est industriale al tempo della crisi.

Ambientato nel Veneto degli spritz che danno “un’immotivata fiducia nel futuro”, della polenta istantanea, degli imprenditori falliti e delle donne ossessionate dall’aspetto fisico, lo spettacolo dei Fratelli Dalla Via racconta di una vicenda familiare, di un conflitto tra generazioni che si staglia sul nord-est industriale al tempo della crisi, cui fa da spettro speculare il tema del suicidio.

In scena due fratelli che, desiderosi di riprendere in mano le loro vite, architettano l’omicidio dei genitori. Niente armi, niente sangue. Il modo migliore per uccidere un genitore è ammazzargli i figli e lasciarlo poi morire di crepacuore. Un piano perfetto, ma impossibile poiché, quando arriva la crisi “i padri” decidono di lasciare in eredità ai figli un’impresa fallita e lingotti di polenta.

Originale, tagliente, intelligente, divertente, capace di veicolare il colore acido del grottesco meglio di qualsiasi altra strada scenica tentata. […] Non c’è nulla da ridere eppure si ride dall’inizio alla fine in questo spettacolo paradossale. Si ride per la bravura dei due attori, per i tempi comici perfetti, ma soprattutto per l’infilata continua di trovate, quasi tutte linguistiche, arguzie verbali giocate in punta di r moscia, in quel dialetto veneto parlato e insieme scimmiottato.
Rossella Menna – rumorscena.com

Uno spettacolo intelligente, che con lucido sarcasmo dipinge un ritratto spietatamente realistico della contemporaneità, fatta di consumi veloci e compulsivi, di brillanti superfici che nascondono il vuoto, di involontarie mescolanze fra sacro e profano, popolare ed elitario.
Daniela Elisa Corradi – Teatro.it

Con ironia raggelante e a tratti con punte di cinismo il lavoro affronta la tragica questione del suicidio, come scelta estrema compiuta da innumerevoli imprenditori colpiti da crisi economica.

Spettacolo vincitore Premio Scenario 2013 - Motivazione della Giuria
  • 1 di 2.
  • 2 di 2.

Marta Dalla Via è attrice. Da qualche anno ha scoperto il piacere di essere anche autrice dei suoi lavori. Scrive e mette in scena Veneti fair con la regia di Angela Malfitano che debutta al Napoli Fringe Festival 2010. È tra i sei giovani autori scelti dal drammaturgo Stefano Massini per il percorso Urgenze presso lo spazio IDRA (Indipendent Drama) di Brescia, dove vince con il testo Interpretazione dei sogni.
Insieme al fratello Diego Dalla Via scrive Piccolo Mondo Alpino progetto vincitore del Premio Kantor, spettacolo prodotto dal CRT di Milano e vincitore del premio speciale della giuria nel concorso drammaturgico CTAS Oltrelaparola 2011. La loro collaborazione da casuale e affettiva diventa effettiva e voluta: nascono i Fratelli Dalla Via, un’impresa famigliare che costruisce storie.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

26 - 28 Aprile 2023

acquista
mercoledì 26 Aprile h 19:15
giovedì 27 Aprile h 20:30
venerdì 28 Aprile h 19:15

Sala A

PRIMO SETTORE (file A–F)
intero 18,50€ + 1,50€ quota energia;
SECONDO SETTORE (file G–S)
intero 16€; under26/over65 13,50€;
convenzioni 13,50€
GALLERIA (file T–ZZ)
intero 13,50€; under26/over65 13,50€; convenzioni 13,50€
_________________________

 Tutti i prezzi non includono i diritti di prevendita.

_______________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Card libera 22-23

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

X Chiudi

Mio figlio era come un padre per me

26 - 28 Aprile 2023
*tariffa intera prima di riduzioni
mercoledì 26 Aprile 2023

h 19:15

giovedì 27 Aprile 2023

h 20:30

venerdì 28 Aprile 2023

h 19:15

Ti potrebbe interessare

Come vorrei non morire

8 - 12 Febbraio 2023

La storia vera dell’autrice Daria Pascal Attolini, qui anche regista e interprete, che ritrova un rapporto con il padre malato e costruisce un dialogo in cui è finalmente possibile dirsi cose che non erano mai state dette. Una dark comedy per esorcizzare la morte con una risata.

Caini

23 - 26 Febbraio 2023

Da La nuova scena, la compagnia I Pesci presenta “I Caini”, una famiglia schiva, tacciata di infamia e avvolta da un alone di mistero. La loro bestialità e ritualità viene messa in discussione dall’arrivo di un artista intento nella ricerca della verità. Una reazione violenta condurrà ad un epilogo tragico e beffardo.

Alcesti: è ancora buio?

28 Febbraio - 2 Marzo 2023

In un mondo in cui si alzano muri e barriere, in cui si stigmatizza il diverso, in cui si definisce ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, in scena uno spettacolo che vuole mettere in luce la complessità delle azioni umane, provando a non giudicarle. Una confessione, l’autoanalisi a tratti cinica, ironica e lucida di un’Alcesti alla ricerca di risposte e verità. Un vortice di domande che tormenta l’animo di chi deve compiere una scelta estrema.

Il bambolo

7 - 12 Marzo 2023

Linda Caridi, giovane e poliedrica attrice di teatro e cinema, in un monologo fuori dagli schemi, sulla tragicomica relazione tra una Donna e un Bambolo gonfiabile, che è un’allucinazione salvifica alla quale la protagonista si aggrappa per fuggire al suo passato, a una violenza subita, alla conseguente anoressia, a sé stessa.