Paradiso XXXIII

1 - 4 Novembre 2021

Evento speciale fuori abbonamento.

lunedì 1 Novembre h 20:00
martedì 2 Novembre h 20:00
mercoledì 3 Novembre h 19:45
giovedì 4 Novembre h 21:00

Sala Grande
1 ora

I settore> intero 38€
II settore > intero 30€; under26 22€;
III settore > intero 21€; under26 18€
_________________________
Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_______________________

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di e con Elio Germano e Teho Teardo
drammaturgia Elio Germano
drammaturgia sonora Teho Teardo
con Laura Bisceglia (violoncello) e Ambra Chiara Michelangeli (viola)
regia Simone Ferrari & Lulu Helbæk
disegno luci Pasquale Mari
video artists Sergio Pappalettera e Marino Capitanio
scene design Matteo Oioli

produzione Pierfrancesco Pisani per Infinito Produzioni
in coproduzione con Ravenna Festival, Fondazione Teatro della Toscana, Teatro Franco Parenti, Teatro Abbado di Ferrara, Teatro Galli di Rimini

Elio Germano e Teho Teardo sono voce e musica per dire la bellezza e avvicinarsi al mistero, l’immenso, l’indicibile ricercato da Dante nei versi del XXXIII canto del Paradiso.

Dal suono avvincente ed “etterno” germoglia la musica inaudita e imprevedibile del compositore d’avanguardia e scaturisce la regia visionaria e impalpabile di Simone Ferrari e Lulu Helbæk, poeti dello sguardo, capaci di muoversi tra cerimonie olimpiche, teatro e show portando sempre con loro una stilla di magia del Cirque du Soleil. Grazie alla loro esperienza crossmediale, accadrà qualcosa di magico e meraviglioso di inspiegabile, trascendendo qualsiasi concetto di teatro, concerto o rappresentazione dantesca attraverso una contaminazione di linguaggi tecnologici e teatrali.

  • 1 di 5. © Zani-Casadio
  • 2 di 5. © Zani-Casadio
  • 3 di 5. © Zani-Casadio
  • 4 di 5. © Zani-Casadio
  • 5 di 5. © Zani-Casadio

Elio Germano
Attore e regista italiano di fama internazionale vincitore di molteplici premi, come il Prix d’interprètation masculine al Festival di Cannes, l’Orso d’argento come migliore attore al Festival di Berlino, un Nastro d’argento e tre David di Donatello. Ha lavorato in campo cinematografico tra i vari ,con i Fratelli D’Innocenzo, Paolo Virzì, Gabriele Savatores , Giorgio Diritti, Gianni Amelia. In campo teatrale oltre che interprete e regista è anche autore, come Segnale D’Allarme, testo scritto a quattro mani con Chiara Lagani. Elio Germano è, inoltre, interprete e autore di uno dei primi esperimenti mondiali di teatro in realtà virtuale, a Segnale D’Allarme a cui ha fatto seguito Così è (o mi pare), riscrittura dello stesso Germano del testo pirandelliano Così è (se vi pare).

Teho Teardo
Musicista e compositore italiano anche noto per essere autore di colonne sonore per film e documentari. Negli anni ha collaborato con artisti italiani e internazionali come Nurse with Wound, Ramleh, Pacic 231, Cop Shoot Cop,Zeni Geva,Blixa Bargeld,Alexander Bălănescu,James George Thirlwell, Motus e Chiara Guidi. Impegnato a teatro con Elio Germano per “Viaggio al termine della notte” liberamente tratto da Louis-Ferdinand Céline.

Lulu Helbæk e Simone Ferrari
Lulu Helbæk e Simone Ferrari, registi e direttori creativi di fama internazionale, sono riconosciuti per l’audacia e l’originalità della loro visione artistica. Attivi internazionalmente, hanno un’enorme esperienza nella creazione di spettacoli dal vivo tra cui: spettacoli del Cirque du Soleil, Cerimonie Olimpiche, spettacoli teatrali, show televisivi, esperienze immersive e video. La multidisciplinarietà delle loro creazioni permette a Lulu e Simone di affrontare ogni progetto in maniera unica, trascendendo i limiti di ogni contesto e cercando attraverso la contaminazione dei linguaggi di creare delle esperienze spettacolari uniche. Eleganza, armonia, suggestioni ed energia sono i pilastri di questa ricerca, dove mescolano sapientemente teatro, nuove tecnologie, videoarte e scenografie dal forte impatto visivo.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

1 - 4 Novembre 2021

acquista

Evento speciale fuori abbonamento.

lunedì 1 Novembre h 20:00
martedì 2 Novembre h 20:00
mercoledì 3 Novembre h 19:45
giovedì 4 Novembre h 21:00

Sala Grande
1 ora

I settore> intero 38€
II settore > intero 30€; under26 22€;
III settore > intero 21€; under26 18€
_________________________
Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_______________________

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

X Chiudi
ATTENZIONE: secondo le vigenti normative, dal 6 Agosto 2021 per accedere in sala e ai Bagni Misteriosi occorrerà presentare il GREEN PASS all'ingresso.
Per i biglietti acquistati dopo il 28 Luglio 2021 non è previsto rimborso nel caso di indisponibilità del documento da parte dello spettatore.

Evento speciale fuori abbonamento.

--Paradiso XXXIII

1 - 4 Novembre 2021
*tariffa intera prima di riduzioni
lunedì 1 Novembre 2021

h 20:00

martedì 2 Novembre 2021

h 20:00

mercoledì 3 Novembre 2021

h 19:45

giovedì 4 Novembre 2021

h 21:00

Ti potrebbe interessare

Promenade de santé

Passeggiata di salute
22 - 30 Ottobre 2021

Tornano sul palco del Parenti Filippo Timi e Lucia Mascino con il debutto teatrale del regista cinematografico Giuseppe Piccioni (tra i suoi film Il rosso e il blu, Questi giorni, Fuori dal mondo). In scena una storia d’amore, quell’amore che ostinatamente cerchiamo di rinnovare senza risparmiarci sofferenze.

Una vita che sto qui

27 Ottobre - 7 Novembre 2021

Risate e malinconia per “un testo in cui nel racconto di una vita rivive una città che è da sempre emblema di momenti epocali dell’Italia”. Con Ivana Monti, regia Giampiero Rappa. Produzione Teatro Franco Parenti.

La Gilda

9 - 21 Novembre 2021

Laura Marinoni, e il musicista Alessandro Nidi, danno voce e corpo agli esuberanti personaggi di periferia de La Gilda del Mac Mahon di Giovanni Testori.

Caduto fuori dal tempo

17 - 21 Novembre 2021

Elena Bucci e Marco Sgrosso si confrontano con uno dei maggiori scrittori della nostra epoca, David Grossman, rileggendo per il teatro una delle sue opere più toccanti, che ci parla della drammatica perdita di un figlio e del dolore di chi resta.