Questo è il tempo in cui attendo la grazia

7 - 11 Luglio 2021
© Fabio Condemi
mercoledì 7 Luglio h 20:30
giovedì 8 Luglio h 20:30
venerdì 9 Luglio h 20:30
sabato 10 Luglio h 20:30
domenica 11 Luglio h 20:30

Sala Grande

50 minuti

I settore>intero 22€
II settore >intero 18€; under26/over65 15€; convenzioni 15€
III settore >intero 13,50€; under26/over65 10€; convenzioni 10€
_________________________

Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_________________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento SpecialeCard Campo ApertoAbbonamento liberoPassepartoutCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

da Pier Paolo Pasolini
regia Fabio Condemi
drammaturgia e montaggio dei testi Fabio Condemi, Gabriele Portoghese
con Gabriele Portoghese
drammaturgia dell’immagine Fabio Cherstich
filmati Igor Renzetti, Fabio Condemi
assistente alla regia Consuelo Bartolucci

produzione La Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello / Teatro di Roma – Teatro Nazionale

In scena una biografia onirica e poetica di Pasolini
attraverso le sue sceneggiature.

Un recital di prosa, poesia e video che entra nella officina poetica dello scrittore per riflettere sui temi a lui cari, come lo sguardo puro del fanciullo, la periferia, l’eros, il cristianesimo delle origini, esplorando non il suo cinema cioè il prodotto definitivo delle sceneggiature -, ma il suo sguardo.

Uno sguardo in continuo movimento, pieno di echi antichissimi e sempre pronto a cogliere attorno a sé autentici momenti di grazia e di vita. Uno sguardo che ci riguarda, sempre.

Gabriele Portoghese si fa corpo della vita e dell’arte dello scrittore, per uno spettacolo delicato e sentito, che nasce dall’esigenza di commemorare uno dei più grandi intellettuali ed artisti del secondo Novecento.

Tutta l’opera letteraria, cinematografica e persino politica di Pasolini sembra attraversata da momenti di eccezione in cui gli esseri umani diventano lucciole – esseri luminescenti, danzanti, erratici, inafferrabili e, come tali resistenti – sotto il nostro sguardo meravigliato.
Georges Didi-Huberman - Come le lucciole

Il titolo dello spettacolo è tratto da un verso della poesia di Pasolini, Le nuvole si sprofondano lucide, inserita nella raccolta Dal diario (1945-1947), Salvatore Sciascia, Caltanissetta, maggio 1954.

Ti aspettiamo
APERITIVO, tutti i giorni dalle 18.00
con il nuovo servizio ristoro GūD Bagni Misteriosi
Scopri di più
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

7 - 11 Luglio 2021

acquista
mercoledì 7 Luglio h 20:30
giovedì 8 Luglio h 20:30
venerdì 9 Luglio h 20:30
sabato 10 Luglio h 20:30
domenica 11 Luglio h 20:30

Sala Grande

50 minuti

I settore>intero 22€
II settore >intero 18€; under26/over65 15€; convenzioni 15€
III settore >intero 13,50€; under26/over65 10€; convenzioni 10€
_________________________

Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_________________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento SpecialeCard Campo ApertoAbbonamento liberoPassepartoutCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Indietro

Questo è il tempo in cui attendo la grazia

7 - 11 Luglio 2021
*tariffa intera prima di riduzioni
mercoledì 7 Luglio 2021

h 20:00

giovedì 8 Luglio 2021

h 20:00

venerdì 9 Luglio 2021

h 20:00

sabato 10 Luglio 2021

h 20:00

Ti potrebbe interessare

Un poyo rojo

14 - 17 Giugno 2021

Uno de los 10 mejores espectáculos del año en Argentina. Nello spogliatoio di una palestra, due uomini si scrutano, si squadrano, si provocano, si affrontano – quasi come due galli da combattimento – tentando di sedursi.

Stay Hungry- Indagine di un affamato

18 - 20 Giugno 2021

Stay Hungry scava dentro la vita e racconta con onestà la condizione dei migranti. L’attore siciliano Angelo Campolo porta in scena un racconto autobiografico, un punto di vista inedito per guardare il fenomeno della migrazione.

50 minuti di ritardo

23 - 27 Giugno 2021

Siamo esseri tecnologici con lo sguardo sempre riflesso nello specchio di uno schermo. La tragedia può essere davanti a noi, sul palco, o distante migliaia di chilometri. Ma dove guardiamo mentre avviene la tragedia? Produzione Malmadur.

Buon anno, ragazzi

4 - 11 Luglio 2021

Vincitore del Premio Nazionale Enriquez 2018 per la regia e la drammaturgia, un esilarante racconto sull’incapacità di esprimere i propri sentimenti, che osserva con sguardo malinconico le difficoltà di vivere in una società. Di e con Francesco Brandi, regia Raphael Tobia Vogel.