Resurrexit Cassandra

30 Novembre - 2 Dicembre 2021
© Hanna Auer
martedì 30 Novembre h 20:30
mercoledì 1 Dicembre h 19:45
giovedì 2 Dicembre h 21:00

Sala Grande
1 ora e 10 minuti

I settore> intero 38€
II settore > intero 30€; under26/over65 18€; convenzioni 21€, Carta Vieni a Teatro 2022 21€
III settore > intero 21€; under26/over65 18€; convenzioni 21€, Carta Vieni a Teatro 2022 21€
_________________________
Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_______________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Card libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Ruggero Cappuccio
ideazione, regia, scenografia, film Jan Fabre
con Sonia Bergamasco
Ruggero Cappuccio dà voce al prologo

musiche originali Stef Kamil Carlens
effetti sonori Christian Monheim
costumi Nika Campisi
disegno luci Wout Janssens
assistente alla regia e drammaturgia Miet Martens
costumi realizzati da Farani
sarto per le prove ad Anversa Mario Leko
direzione tecnica Marciano Rizzo, Wout Janssens
fonici Tom Buys, Marcello Abucci
delegata di produzione Gaia Silvestrini
coordinamento e distribuzione Aldo Grompone

produzione Teatro di Napoli – Teatro Nazionale / Fondazione Campania dei Festival – Campania Teatro Festival / Troubleyn Jan Fabre / Carnezzeria srls / TPE – Teatro Piemonte Europa

Film
direttore della fotografia Rutger-Jan Cleiren
cameramen Kasper Mols, Charles Pacqué
aiuto regista director Alma Auer
tecnico luci Duncan Kuijpers
assistente di produzione Annemiek Totté

Sonia Bergamasco torna sul palco del Parenti con una potente interpretazione di Cassandra, figura tra le più tragiche e appassionate della mitologia greca, che vanta un dono che è insieme dannazione: conoscere il futuro ma non trovare ascolto.

In scena, uno spettacolo visionario, un assolo multimediale ideato e diretto dal regista fiammingo Jan Fabre, uno tra più originali maestri multidisciplinari del teatro contemporaneo.

Il poetico testo di Ruggero Cappuccio affida alla voce della figlia del re di Troia un atto d’accusa contro la distruzione del pianeta. Cassandra avrebbe potuto salvare il mondo già molte volte dai disastri che l’uomo sta provocando contro sé stesso e la Terra.

Il suo monito è chiaro: se non ci prendiamo cura del pianeta, il pianeta ci punirà.

Jan Fabre

Sonia Bergamasco esalta il senso e le parole scritte in versi da Cappuccio come ammonimento grave ed indagine di un oggi che guarda inorridito avanti nel tempo sciagurato avendo occhi acuti a scrutare ombre passate e lontane raccontando il ritorno della semidea, della Cassandra che ha dono e dannazione del conoscere e del non essere intesa.
Giulio Baffi - Repubblica
E allora su tutto questo viaggio visionario di una voce-corpo, l’emozione di una responsabilità, diventa solida. Diventa ricchezza. La magia è legata all’interpretazione diretta dalla sensibilità di Jan Fabre, sempre attento ai colori della contemporaneità. Messaggio arrivato, operazione compiuta. Le parole di Cassandra vibrano di vero, ognuno se la porta dentro. Sono già state dette, già state ignorate, perché Cassandra non è solo una persona, ma un ruolo eterno che lei stessa chiede di smettere di avere. Si affaccia dentro lo spettatore l’interrogativo, mentre entra in quell’intenso. Perché? Perché non dare ascolto a quella voce saggia, agire contro la visione catastrofica prevista, evitabile, semplicemente abbattendo le proprie chiusure dentro?
Ilaria Barbara Varriano - teatro.it
  • 1 di 4. © Hanna Auer
  • 2 di 4. © Hanna Auer
  • 3 di 4. © Hanna Auer
  • 4 di 4. © Hanna Auer
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

30 Novembre - 2 Dicembre 2021

acquista
martedì 30 Novembre h 20:30
mercoledì 1 Dicembre h 19:45
giovedì 2 Dicembre h 21:00

Sala Grande
1 ora e 10 minuti

I settore> intero 38€
II settore > intero 30€; under26/over65 18€; convenzioni 21€, Carta Vieni a Teatro 2022 21€
III settore > intero 21€; under26/over65 18€; convenzioni 21€, Carta Vieni a Teatro 2022 21€
_________________________
Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_______________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Card libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

X Chiudi
ATTENZIONE: secondo le vigenti normative, dal 6 Agosto 2021 per accedere in sala e ai Bagni Misteriosi occorrerà presentare il GREEN PASS all'ingresso.
Per i biglietti acquistati dopo il 28 Luglio 2021 non è previsto rimborso nel caso di indisponibilità del documento da parte dello spettatore.

Resurrexit Cassandra

30 Novembre - 2 Dicembre 2021
*tariffa intera prima di riduzioni
martedì 30 Novembre 2021

h 20:30

mercoledì 1 Dicembre 2021

h 19:45

giovedì 2 Dicembre 2021

h 21:00

Ti potrebbe interessare

Il delitto di via dell’Orsina

9 - 23 Dicembre 2021

Massimo Dapporto e Antonello Fassari in uno spettacolo leggero e divertente ma allo stesso tempo profondo. Una situazione paradossale, un po’ beckettiana brillantemente costruita da un gigante della drammaturgia come Eugène Labiche. Regia e adattamento Andrée Ruth Shammah.

Il rompiballe

28 Dicembre 2021 - 9 Gennaio 2022

Un aspirante suicida per amore e un killer occupano due stanze comunicanti in un hotel, il primo per porre fine ai suoi giorni e il secondo per porre fine ai giorni di qualcun altro dalla finestra della sua stanza. Risate e colpi di scena per una spassosa commedia, perfetta per le festività! Con Paolo Triestino e Giancarlo Ratti.

Pigiama per sei

Laura Curino, Antonio Cornacchione, Rita Pelusio, Max Pisu
11 - 16 Gennaio 2022

Il più classico dei triangoli: lui, lei, l’altra. Tra equivoci e risate lo spettatore si appassiona e involontariamente si immedesima nei personaggi. L’esplosiva coppia Antonio Cornacchione e Max Pisu insieme a Laura Curino e Rita Pelusio dà vita a uno spettacolo lieve, veloce e divertente. Regia Marco Rampoldi.

Il delitto di via dell’Orsina

(L’affaire de la rue de Lourcine)
12 Gennaio - 14 Aprile 2022

Massimo Dapporto e Antonello Fassari in uno spettacolo leggero e divertente ma allo stesso tempo profondo. Una situazione paradossale, un po’ beckettiana brillantemente costruita da un gigante della drammaturgia come Eugène Labiche. Regia e adattamento Andrée Ruth Shammah.