Senza parlare

Fondazione Benedetta D’Intino porta in scena la disabilità comunicativa

13 Settembre 2021
lunedì 13 Settembre h 20:30

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

Ingresso gratuito con prenotazione

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

uno spettacolo di SPK- Teatro

produzione Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone con il sostegno di Fondazione Friuli

Cosa succede a una ragazza che fin da piccola non può parlare, che da sempre fatica a comunicare, ora che sta diventando adulta?

È questo il tema al centro di Senza Parlare, lo spettacolo della compagnia SPK-Teatro che Fondazione Benedetta D’Intino porta in scena nei teatri di Milano.

Protagonisti della storia sono due fratelli, Sara e Marco. Cresciuti insieme ma divisi da un muro invisibile: l’incomunicabilità. Sara non parla, non può, è smarrita in un mondo tutto suo e non si relaziona con gli altri. Marco deve intraprendere una viaggio alla ricerca della sorella, deve trovare la chiave per entrare in relazione con lei, capendo che prendersi cura di Sara significa prima di tutto ascoltarla, senza anticipare le sue esigenze convinto di conoscerle già.

Senza Parlare prende spunto dall’omonima raccolta di testimonianze di alcuni familiari di bambini e adolescenti colpiti da disabilità comunicative e seguiti dal Centro Benedetta D’Intino Onlus, braccio operativo dell’omonima Fondazione. Una pièce che racconta senza sconti i sogni, i desideri e la vita di un’adolescente per promuovere una cultura dell’ascolto dei bisogni di chi non può parlare e sensibilizzare il pubblico sul diritto alla comunicazione per tutti.

Fondazione Benedetta D’Intino nasce nel 1992 per volontà delle famiglie Mondadori, D’Intino e Formenton in ricordo della piccola Benedetta, scomparsa a soli quindici mesi.

È un ente no-profit che si si occupa di bambini con grave disabilità comunicativa e con disagio psicologico, sostenendo le loro famiglie. Opera attraverso l’omonimo Centro clinico, attivo dal 1994 a Milano (via Sercognani 17), che accoglie circa 400 bambini l’anno offrendo loro il supporto di professionisti con una formazione specifica e una lunga esperienza nel trattamento di problemi psicologici e disabilità. Al suo interno è presente anche una Biblioteca Speciale per bambini con disabilità motoria e di comunicazione.

La Fondazione Benedetta D’Intino è stata la prima in Italia a istituire una Scuola di Formazione in Comunicazione Aumentativa Alternativa che, dal 1996, anno in cui è nata, ad oggi, ha formato oltre 1.000 operatori della riabilitazione e dell’educazione.

SPK-Teatro è una realtà che si occupa di organizzare e produrre spettacoli dal vivo, eventi e rassegne di teatro contemporaneo.

Il progetto nasce nel 2015 da un direttivo femminile under 35 e si distingue da subito per un approccio fresco e innovativo sia nell’ambito della programmazione che nel campo della ricerca artistica.

La compagnia guidata da Lisa Moras, autrice e regista, Alberto Biasutti, multimedia designer e Stefano Zullo, scenografo, persegue un lavoro su ambienti scenici in cui tecnica e interpreti recitano insieme, ricercando un equilibrio estetico e percettivo fra l’elemento artigianale, umano e multimediale.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

13 Settembre 2021

prenota
lunedì 13 Settembre h 20:30

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

Ingresso gratuito con prenotazione

X Chiudi
ATTENZIONE: secondo le vigenti normative, dal 6 Agosto 2021 per accedere in sala e ai Bagni Misteriosi occorrerà presentare il GREEN PASS all'ingresso.
Per i biglietti acquistati dopo il 28 Luglio 2021 non è previsto rimborso nel caso di indisponibilità del documento da parte dello spettatore.

--Senza parlare

13 Settembre 2021
Ti potrebbe interessare

Anna dei miracoli

10 - 22 Maggio 2022

Una storia vera che racconta l’epocale passaggio alla lingua dei segni, una rivoluzione linguistica che ha permesso di aprire un dialogo tra chi parla e chi non parla. Con Mascia Musy, regia Emanuela Giordano. Produzione Teatro Franco Parenti per l’Associazione Lega del Filo d’Oro.