1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti
1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti

Thomas Ostermeier / Édouard Louis
Qui a tué mon père

Chi ha ucciso mio padre

8 Giugno 2022
© Jean Louis Fernandez

Lo spettacolo è stato presentato nel luglio 2021 al 49° Festival Internazionale del Teatro della Biennale di Venezia.
***
Spettacolo in francese con sovratitoli in italiano.

mercoledì 8 Giugno h 19:15

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

1 ora e 20 minuti

I settore > intero 30€
II settore > intero 22€; under26/over65 15€; convenzioni 18€
III settore > intero 18€; under26/over65 15€; convenzioni 15€
_________________________

Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_________________________

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

saluti istituzionali
Stefano Bruno Galli (Assessore Autonomia e Cultura Regione Lombardia)
Andrée Ruth Shammah (Teatro Franco Parenti)

prologo letterario
Andrée Ruth Shammah
____________

Qui a tué mon père
scritto e interpretato da Édouard Louis
diretto da Thomas Ostermeier
video design Sébastien Dupouey, Marie Sanchez
musica Sylvain Jacques
drammaturgia Florian Borchmeyer, Élisa Leroy
luci Erich Schneider
costumi Caroline Tavernier
scene Nina Wetzel

lo spettacolo è stato presentato in anteprima al Théâtre de la Ville – Abbesses il 9 settembre 2020

produzione Schaubühne Berlino e Théâtre de la Ville Parigi

Tratto dal libro Qui a tué mon père, Copyright 2018 © Édouard Louis – Tutti i diritti riservati

____________

In occasione della 23esima edizione de La Milanesiana, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi

Con la collaborazione di Regione Lombardia  / Assessorato Autonomia e Cultura Regione Lombardia

Thomas Ostermeier, faro della regia in Europa, dirige Édouard Louis, 30enne rivelazione della letteratura francese.

Un testo sconvolgente, di grande impatto, interpretato dal suo autore, che in scena recita e balla condividendo i ricordi di una vita spezzata.

Autentico “disertore di classe”, scrittore e artista politicamente impegnato, Louis decifra i meccanismi di dominio e violenza sociale e usa la propria esperienza familiare per descrivere come reinventarsi.

Édouard Louis ha una forza e un'intensità che ci fa rimanere incollati al suo monologo mentre con lui ricostruiamo, grazie ai ricordi, i pezzi di una vita spezzata.
È sorprendente e divertente vedere Louis ballare, con parrucca bionda, sulle note di Barbie Girl degli Aqua o un pezzo di Britney Spears, facendo uno smaccato e parossistico playback.

Per tutta la mia infanzia, ho sperato che mio padre svanisse.

Il disgusto con cui guarda il padre violento, alcolizzato e di destra, le cui esplosioni omofobe lo hanno traumatizzato per tutta la vita mentre cresceva gay nelle province francesi, risiede nel profondo di Édouard Louis.

Ma quando, nel suo testo più recente, Qui a tué mon père, lo scrittore francese si confronta con il padre ormai gravemente malato, la sua rabbia si trasforma in compassione.

Hai poco più di cinquant’anni. Appartieni alla precisa categoria di persone per le quali la politica ha previsto una morte prematura.

L’apparente carnefice è diventata una vittima. La sua propensione alla violenza ora sembra essere più una conseguenza delle continue umiliazioni e brutalità sociale subite.

Utilizzando il corpo spezzato di suo padre come punto di partenza, Louis intraprende una riscrittura provocatoria della recente storia politica e sociale della Francia. È la cronaca di un omicidio in corso, di una mutilazione deliberata da parte delle “riforme” neoliberiste e della loro brutalità contro i lavoratori che sono costretti a vivere le loro conseguenze nel proprio corpo.

Un opuscolo polemico e ribelle contro l’oblio, l’esclusione e la violenza fisica di una società oppressa dalle classi — e, allo stesso tempo, un’intima dichiarazione d’amore a una persona che rende quasi impossibile amarla.

  • 1 di 4. © Jean Louis Fernandez
  • 2 di 4. © Jean Louis Fernandez
  • 3 di 4. © Jean Louis Fernandez
  • 4 di 4. © Jean Louis Fernandez

Thomas Ostermeier ha studiato regia a Berlino e le sue prime produzioni di successo sono state come regista teatrale e direttore artistico del Baracke al Deutsches Theater di Berlino. Dal settembre 1999 è regista teatrale e membro del gruppo di direzione artistica dello Schaubühne di Berlino, dove continua a scoprire e presentare testi contemporanei, lavorando anche sulla drammaturgia classica, come Ibsen e Shakespeare. Nel 2004 è stato scelto come artista associato al Festival d’Avignon, successivamente è stato acclamato con premi e riconoscimenti: il Leone d’Oro alla Biennale Teatro di Venezia nel 2011, il grado di “Commandeur” nell’OrdredesArts et desLettres conferito dal Ministero della Cultura francese nel 2015, e, nel 2019, il premio Molière per il teatro pubblico per La Nuit desrois. Le produzioni di Ostermeier girano il mondo e sono state viste in città come Edimburgo, Londra, Stoccolma, Zagabria, Tbilisi, Minsk, Praga, Parigi, Reims, Clermont-Ferrand, Santiago del Cile, Bogotá, Adelaide, Seoul e Pechino .

Édouard Louis è autore di quattro romanzi, Storia della violenza, Il caso Eddy Bellegueule, Chi ha ucciso mio padre e Lotte e matemorfosi di una donna pubblicati in più di trenta lingue, facendo di lui uno dei maggiori scrittori della sua generazione. Sono stati anche adattati al teatro, con più di quaranta versioni teatrali in paesi tra cui Grecia, Polonia, Svezia e Argentina. Con Thomas Ostermeier ha scritto l’adattamento di Storia della Violenza (pubblicato in francese come Aucœur de la violent). I suoi testi di saggistica sono stati pubblicati sulla principale stampa internazionale, tra cui The New York Times, The Guardian e La Repubblica.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

8 Giugno 2022

Lo spettacolo è stato presentato nel luglio 2021 al 49° Festival Internazionale del Teatro della Biennale di Venezia.
***
Spettacolo in francese con sovratitoli in italiano.

mercoledì 8 Giugno h 19:15

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

1 ora e 20 minuti

I settore > intero 30€
II settore > intero 22€; under26/over65 15€; convenzioni 18€
III settore > intero 18€; under26/over65 15€; convenzioni 15€
_________________________

Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_________________________

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

X Chiudi

Lo spettacolo è stato presentato nel luglio 2021 al 49° Festival Internazionale del Teatro della Biennale di Venezia.
***
Spettacolo in francese con sovratitoli in italiano.

Thomas Ostermeier / Édouard Louis
Qui a tué mon père

8 Giugno 2022