14 - 17 Giugno 2021
© Ishka Michocka
lunedì 14 Giugno h 20:30
martedì 15 Giugno h 20:30
mercoledì 16 Giugno h 20:30
giovedì 17 Giugno h 20:30

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

1 ora

I settore>intero 22€
II settore >intero 18€; under26/over65 15€; convenzioni 15€
III settore >intero 13,50€; under26/over65 10€; convenzioni 10€
_________________________

Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_________________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento SpecialeCard Campo ApertoAbbonamento liberoPassepartoutCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

coreografia Luciano Rosso, Nicolás Poggi
regia Hermes Gaido
con Luciano Rosso e Alfonso Barón

produttori Jonathan Zak e Maxime Seuge
produzione in Italia Carnezzeria srls

Uno de los 10 mejores espectáculos del año en Argentina.

La Naciòn

Spettacolo esplosivo che unisce brillantemente teatro, danza, acrobatica, sport e che sta registrando il tutto esaurito sia in Argentina che in Europa.

Nello spogliatoio di una palestra, due uomini si scrutano, si squadrano, si provocano, si affrontano – quasi come due galli da combattimento – tentando di sedursi. Un Poyo rojo è una provocazione, un invito a ridere di noi stessi esplorando tutto il ventaglio delle possibilità fisiche e spirituali dell’essere umano.

Straordinaria maestria corporea di Alfonso Barón e Luciano Rosso che rivelano anche una folgorante capacità di improvvisare davanti alle sempre diverse reazioni del pubblico.

Un poyo rojo non conosce barriere linguistiche. Non ha bisogno di parole, né di musica. Parlano e cantano i corpi sensuali, musicali, atletici, dinoccolati, dei due interpreti, le espressioni e i movimenti che producono, le mimiche facciali, i molteplici gesti articolati che evocano pensieri e azioni, che rimandano a personaggi e a situazioni reali.
Giuseppe Distefano - Exibart
  • 1 di 2. © Ishka Michocka
  • 2 di 2. © Ishka Michocka
Ti aspettiamo
APERITIVO, tutti i giorni dalle 19.00
con il nuovo servizio ristoro GūD Bagni Misteriosi
Scopri di più
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

14 - 17 Giugno 2021

lunedì 14 Giugno h 20:30
martedì 15 Giugno h 20:30
mercoledì 16 Giugno h 20:30
giovedì 17 Giugno h 20:30

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

1 ora

I settore>intero 22€
II settore >intero 18€; under26/over65 15€; convenzioni 15€
III settore >intero 13,50€; under26/over65 10€; convenzioni 10€
_________________________

Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_________________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento SpecialeCard Campo ApertoAbbonamento liberoPassepartoutCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Indietro

Un poyo rojo

14 - 17 Giugno 2021
Ti potrebbe interessare

50 minuti di ritardo

Malmadur
23 - 27 Giugno 2021

Cosa si può fare con il proprio smartphone in 50 minuti di attesa? Uno spettacolo interattivo, dove si entra a far parte della comunità teatrale, ma anche di una comunità virtuale partecipando ad un gruppo whastapp con gli altri spettatori.

Buon anno, ragazzi

4 - 11 Luglio 2021

Vincitore del Premio Nazionale Enriquez 2018 per la regia e la drammaturgia, un esilarante racconto sull’incapacità di esprimere i propri sentimenti, che osserva con sguardo malinconico le difficoltà di vivere in una società. Di e con Francesco Brandi, regia Raphael Tobia Vogel.

Questo è il tempo in cui attendo la grazia

7 - 11 Luglio 2021

Un avvicinamento ai luoghi e ai sensi di Pier Paolo Pasolini, attraverso le sue parole poetiche e profetiche. Con Gabriele Portoghese, regia Fabio Condemi, drammaturgia dell’immagine Fabio Cherstich.

Feroci

26 - 29 Luglio 2021

Un progetto di Dogma Theatre Company. In una provincia del Nord, Daniel è la punta di diamante di un gruppo neofascista della zona. L’incontro con l’enigmatico Edo fa riaffiorare in lui un istinto che ha da sempre negato: è possibile che proprio lui provi attrazione per un altro uomo?