1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti
1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti
Teatro

Sior Todero Brontolon

Le recite sono terminate. Clicca qui per i prossimi spettacoli in scena al Parenti.


4 - 14 Novembre 1999

2 Marzo - 11 Marzo
Teatro Cristallo - TRIESTE
17 Marzo - 17 Marzo
Teatro Giacosa - IVREA
5 Aprile - 6 Aprile
Teatro Alfieri - CAGLIARI
8 Aprile - 8 Aprile
Teatro Civico - ALGHERO
9 Aprile - 9 Aprile
Teatro Verdi - SASSARI
18 Aprile - 29 Aprile
Teatro Carcano - MILANO
18 Gennaio - 19 Gennaio
Teatro Comunale - BELLUNO
22 Gennaio - 26 Gennaio
Teatro Sociale - BRESCIA
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Carlo Goldoni
regia Andrée Ruth Shammah
scene Alessandro Camera
costumi Chiara Boni
luci Marcello Jazzetti
con Gianrico Tedeschi e Marianella Laszlo, Tommaso Banfi, Marta Comerio, Stefania Felicioli, Silvana Gasparini, Alessandro Quattro, Corrado Tedeschi, Virgilio Zernitz

Lo spettacolo ha debutatto nel luglio del 1999 all’interno del palinsesto Milano Estate in Piazza Affari. Ripreso poi nel novembre dello stesso anno durante in sede. Nell’aprile del 2001 è andato in scena al Teatro Carcano di Milano e in tournée nella starione 2002-2003 con Eros Pagni e Ivana Monti, nei ruoli che erano di Gianrico Tedeschi e Marianella Laszlo.

Note di regia di Andrée Ruth Shammah - dal programma di sala

Ciò che colpisce in Todero è uno stato di claustrofobia, di chiuso, di grigiore, di polvere.

Non c’e spazio per la luce e quindi per la vita. La casa e, di conseguenza, lo spazio, assumono un valore altamente simbolico; diventano il luogo di un piccolo inferno domestico dentro il quale i personaggi, in un primo momento, si muovono come icone, come fantocci in attesa di diventare persone. Difficilmente questo spazio si apre all’esterno, agli altri; è lo spazio di un “malato”, di chi giustifica il risparmio considerandolo non solo punto d’onore, ma anche un fondamento dell’economia, mentre, in verità, è soltanto conseguenza dell’avarizia, della superbia, dell’ostinazione di un vecchio burbero, attossicato dalla brama di conservare, secondo la visione di Marcolina, la nuora che dopo anni di gelida e calcolata sottomissione, si ribella contro la diffidenza, i calcoli, la conduzione mortuaria dell’esistenza. Marcolina riscopre il valore della vita nel momento in cui la figlia deve iniziare, lei, la vita, magari attraverso un matrimonio meno infelice del suo, vissuto lontano dalla casa dove, tra una stanza e l’altra non si comunica ma ci si provoca.

La vita deve ritornare in quelle stanze vuote attraverso la luce che, nello spettacolo, assume significati diversi, divenendo qualcosa di maieutico, capace di tirar fuori tracce dell’esistenza; ma soprattutto attraverso i costumi che da grigi, lisi, polverosi, quasi monacali, si trasformano, lentamente, in fonte di colori che avanzano da ogni parte e che, nello sviluppo dell’azione, qualificheranno i personaggi femminili contrapposti a quelli maschili che si presentano con accumuli di costumi, per svestirsi man mano che i rapporti col padre-padrone assumono valenze diverse.

Insomma un Todero che mi ha fatto spesso pensare a Molière, meno atrabiliare, meno estremo di Arpagone, Tartufo, Argante e, quindi, meno tragico.

Dell’armonia, della freschezza, delle piccole ben pensate invenzioni, del pungente equilibrio dello spettacolo va reso merito alla regia di Andrée Ruth Shammah.
Carlo Maria Pensa - Famiglia Cristiana
Ciò che in Molière reca l’impronta d’una reale misantropia rinasce in Goldoni all’insegna d’una quieta ragionevolezza borghese, che stempera il carattere dell’avaro nell’affettuoso affresco d’un mondo in via di mutamento. La Shammah intende bene tutto questo. La sua regia governa con garbo i tempi esatti d’un testo sapientissimo.
Panorama
Andrée Ruth Shammah sa leggere il testo calandosi nelle sue modalità espressive, e ciò permette, al momento della rappresentazioni, che questa sia diretta con una scorrevolezza ed un rispetto dell’autore rari in quest’epoca di registi che amano essere protagonisti.
Andrea Pedrinelli - Gazzetta Como e Lecco
L’allestimento di Andrée Ruth Shammah punta sull’approfondimento dei sentimenti e sulla lettura delle motivazioni psicologiche che muovono i personaggi in una scenografia essenziale ed intimista disegnata da Alessandro Camera.
Valeria Crippa - Corriere della Sera
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Le recite sono terminate. Clicca qui per i prossimi spettacoli in scena al Parenti.

4 - 14 Novembre 1999

2 Marzo - 11 Marzo
Teatro Cristallo - TRIESTE
17 Marzo - 17 Marzo
Teatro Giacosa - IVREA
5 Aprile - 6 Aprile
Teatro Alfieri - CAGLIARI
8 Aprile - 8 Aprile
Teatro Civico - ALGHERO
9 Aprile - 9 Aprile
Teatro Verdi - SASSARI
18 Aprile - 29 Aprile
Teatro Carcano - MILANO
18 Gennaio - 19 Gennaio
Teatro Comunale - BELLUNO
22 Gennaio - 26 Gennaio
Teatro Sociale - BRESCIA