1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti
1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti
Teatro

Una notte in Tunisia

Le recite sono terminate. Clicca qui per i prossimi spettacoli in scena al Parenti.


26 Marzo - 10 Aprile 2011

10 Maggio - 22 Maggio
Teatro Quirino - ROMA

10 - 20 Gennaio 2013

© Tommaso Le Pera
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Vitaliano Trevisan
regia Andrée Ruth Shammah
con Alessandro Haber
e con Martino Duane, Pia Lanciotti, Pietro Micci
con la collaborazione di
Barbara Petrecca per le scene e i costumi
Gigi Saccomandi per le luci
Yuval Avital per la “Mise en abime”
sperimentazione sonora realizzata da RAI- Direzione Strategie Tecnologiche
con il CRIT di Torino e il CPTV di Milano
i cieli proiettati sul fondale sono di Pietro Guccione

produzione Teatro Franco Parenti / Gli Ipocriti

Ripreso nella stagione 2012-13 con Roberto Trifirò sostituisce Martino Duane, Maria Ariis sostituisce Pia Lanciotti.

Appunti notturni alla vigilia del primo giorno di prove

Appunti per una messa a fuoco – dal programma di sala

Dare fisicità alla tensione che sento da mesi, da quando questo testo mie arrivato tra le mani…
Creare lo spazio adatto per raccontare un corpo, quel corpo e con il suo isolamento trovarsi dentro la sua solitudine per arrivare a una dimensione altra… Un punto scentrato fuori dal tempo in un presente che è già storia, un presente capace di guardare dentro al nostro presente… Una scena che respira, suoni che arrivano e si allontanano. Un’intera opera creata dal giovane compositore Yuval a disposizione dello spettacolo, momenti inquietanti con voci che arrivano con il vento… Nessuna necessità di simulare la realtà. Creare le azioni con le didascalie. Cecchin veneto come l’autore che avrà la grazia, la puntualità, il modo di muoversi dentro e fuori dalla sua parte di Pietro Micci, è lui che impaginerà lo spettacolo, che muoverà la leggerezza della scena. Cecchin parla in terza persona ma quando serve a X esegue alcune azioni vere, reali- alcune si, altre no… Lasciarsi andare alle suggestioni delle prove: alcune cose saranno giuste altre no… immaginare il fratello che vola oltre al parapetto… no! Non si tratta di trovare in nessun modo di rendere l’azione credibile. Far dire la didascalia all’attore. E alla moglie l’intenzione nascosta di farlo cadere giù perché la moglie è l’amore per i figli, per la famiglia, è l’amore al di sopra di tutto, l’amore che non cede, che cerca di inventare soluzioni per riuscire a farlo tornare ad operarsi con i medici migliori e il sogno-incubo del marito di andare al proprio funerale forse, chissà? Le ha dato l’ultima pazza idea…
Già nella prima scena si dice “neanche da morto vuol tornare in Italia”.
Si fa strada l’immagine di una bara. Non devo farmi tentare di impiegare immagini per rendere più facile, più comprensibile l’ascolto del testo.
Lavorare dentro e intorno alle parole per muovere sentimenti e pensieri. Creare la giusta tensione e nel pubblico una grande attenzione del cuore e della mente. Un grande tavolo – il suo tavolo – che continui la linea obliqua della prima parete di garza che crea l’aeroporto (Ia linea obliqua mi è stata suggerita dall’autore che devo ricordarmi di ringraziare pubblicamente appena ne avrò l’occasione, anche per aver dedicato molte ore a leggere il testo con Alessandro Haber- attore scelto da lui- e che ha scelto me d’accordo con i Balsamo co-produttori di questo spettacolo veri amici di un tempo, di quel tempo, e anche di questo devo ringraziarlo perché sento che tra me e Alessandro sarà un incontro vero, importante). ll tavolo presente sin dall’inizio in trasparenza… La sua presenza si fa sentire anche con l’assenza. È la fisicità di Haber, la sua voracità, il suo talento, la sua energia compressa sempre pronta ad esplodere — cosi simile a quella di X — che renderà possibile dare fisicità a quella tensione che vorrei mettere in scena. Per contrasto, fare esistere il fratello con le sue contraddizioni, la sua paura di farsi ancora una volta coinvolgere, il suo gusto di discutere, di dibattere, di parlare, di leggere ad alta voce le parole scritte per vedere se un pensiero funziona… (tentazione di far leggere tutto il testo, di disseminare la scena di leggii ma no, solo X, solo lui dovrà leggere se stesso!).
Ed è anche per contrasto all’ossessivo bisogno di X di ragionare e alla sua disperazione di non sentirsi utilizzato e alla temperatura che creerà Haber sul palcoscenico che riuscirò a costruire il personaggio dell’unica donna in scena usando la voce dei sentimenti senza paura di perdere modernità. Una morte vicina e la passione della vita come malattia. Una ribellione che contiene un’infinita dolcezza e che su di me è struggimento… una Tunisia arcaica ferma nel tempo, odori, profumi, vuoto “nel vuoto tutto si logora, si disgrega, si decompone”, i cieli di Piero Guccione e vento e lontananza. L’intelligenza non utilizzata che ossessivamente cerca di riempire il vuoto, quel vuoto… Una prova d’amore. La forza che può avere il teatro nel chiederti di metterti in gioco fino in fondo, fino a fare tremare le corde in scena e farle ballare prima di sollevare una garza e con il gesto più semplice dar vita a una nuova scena, l’ultima dove giochi il tutto per tutto, nel corpo a corpo con un testo e l’avventura teatrale che comincia domani e lo so, l’emozione stanotte non mi lascerà dormire.

– Andrée Ruth Shammah

Uno spettacolo dei due o tre più belli che si siano visti quest’anno. Ne hanno gran merito la regia attentissima agli equilibri tra pieni e vuoti e soprattutto Alessandro Haber. Vederlo muovere diventa uno spettacolo incantatorio… Ma non di “politica” o di cronaca l’autore ci parla; bensì di ciò che in essa ci tocca in sorte, senza speranza di redenzione.
Franco Cordelli - Corriere della Sera
Alessandro Haber, superbo, offre - nei panni di un personaggio chiamato X, claudicante come Edipo - una delle sue più controllate e drammatiche prove. La regista Andrée Ruth Shammah tiene a freno tutto come un incubo logorroico di Bernhard sotto una tenda. Da non perdere.
Rodolfo Di Giammarco - la Repubblica
Trevisan sottrae Craxi all’urgenza del dibattito politico, lo proietta in qualche modo in una sfera più assoluta. La Shammah ha allestito uno spettacolo sospeso tra la realtà e una febbre visionaria.
Renato Palazzi - Il Sole 24 Ore
  • 1 di 3.
  • 2 di 3.
  • 3 di 3.

Programma di sala

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Le recite sono terminate. Clicca qui per i prossimi spettacoli in scena al Parenti.

26 Marzo - 10 Aprile 2011

10 Maggio - 22 Maggio
Teatro Quirino - ROMA

10 - 20 Gennaio 2013