1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti
1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti
Teatro

Esequie solenni

L’amore è una cosa meravigliosa!

Le recite sono terminate. Clicca qui per i prossimi spettacoli in scena al Parenti.


8 - 18 Marzo 2012

23 - 31 Ottobre 2012

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Antonio Tarantino
regia Andrée Ruth Shammah
con Ivana Monti e Laura Pasetti
scene e costumi Gianmaurizio Fercioni
musiche Michele Tadini
disegno luci Gigi Saccomandi

produzione Teatro Franco Parenti

Note di regia - dal programma di sala

Dietro la scena c’è un palcoscenico.

Una dichiarazione di verità. Non siamo solo all‘interno della casa di Donna Franca ma in un teatro in cui è stata montata una scena, in parte costruita e in parte invece solo accennata da un trompe-l’oeil. Una grande porta. Una soglia? Un simbolo forte di tutte le ambiguità che nutrono questo testo e il modo in cui pretende di essere raccontato.

È stato importante avere al mio fianco l’amico di sempre Gianmaurizio Fercioni.

Anche la musica di Michele Tadini opera su due livelli: quello dei sentimenti, dell‘emotività e quello dell’inquietudine, della minaccia del presente, della ricerca di una inesorabilità. Una musica incompiuta, spezzata. Una pulsazione continuamente frammentata dell’azione.

Tutto tende a sottolineare questa dicotomia continua tra la verità della storia e la dimensione delle azioni interiori.

Le due interpreti entrano vestite esattamente nello stesso modo, spogliate dal loro ego e pronte ad assumersi la vicenda sulle spalle. Non per sfogare il loro talento ma per mettersi al servizio del testo. Alcune parole si trasformano in commenti al testo a volte nella verità teatrale a volte, invece, nella distanza.

Sul finale, al centro della scena, una sola immagine forte: una scatola che contiene “una promessa di felicità o un ordine perentorio”.

Appoggiata su due cavalletti potrebbe rappresentare una bara che propone alla donna di rinunciare a se stessa, è la morte di una parte di sé, quella che tutte le donne vorrebbero non fare morire mai.

Non è un caso che il debutto avverrà l’8 marzo in occasione della Festa della donna.

Senza I’intelligenza delle due attrici e la presenza di persone che mi seguono da anni, probabilmente avrei avuto ancora più difficoltà nel portare in scena questo difficile ma affascinante testo di Antonio Tarantino.

– Andrée Ruth Shammah

Andrée Ruth Shammah porta in scena questa non facile piéce cercando e trovando profondamente una strada lontana dal naturalismo per fare emergere i molti significati del testo. Crea così un’atmosfera di lucido ragionamento nella quale le attrici, dichiaratamente tali, si accostano ai leggii per recitare la loro parte, scambiandosela anche, mantenendo vivo però il senso critico di donne al cospetto di altre donne, diversissime tra loro e da loro. Ivana Monti, bravissima a sottolineare i piani di critica, e la puntigliosa Laura Pasetti nella bella scena di Gianmaurizio Fercioni, una biblioteca aperta sul nulla, entrano con bravura nel gioco dei più piani e riescono appieno a far sentire come la politica e il suo potere possano cinicamente impossessarsi delle vite non solo dei politici, ma anche di chi sta loro accanto e come possa essere arduo e problematico per una donna non voler rinunciare a se stessa.
Magda Poli - Corriere delle Sera
Uno spettacolo di sorprendente nitore. [...] Con la Shammah e le attrici e i loro personaggi ingaggiano un duello di intelligenze femminili portando sulla scena realistico metafisica di Gianmaurizio Fercioni, sapientemente illuminata dal disegno luci di Gigi Saccomandi, un esercizio di parola e di pensiero.
Sara Chiappori - la Repubblica
Rigorosa e misurata come una perfetta equazione la regia della Shammah, nella congeniale e austera solennità della bella scena di Gianmaurizio Fercioni.
Paolo Paganini - Corriere del Ticino
  • 1 di 3.
  • 2 di 3.
  • 3 di 3.
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Le recite sono terminate. Clicca qui per i prossimi spettacoli in scena al Parenti.

8 - 18 Marzo 2012

23 - 31 Ottobre 2012