Si avvisa il gentile pubblico che dal 10 al 20 Maggio i servizi di bar e guardaroba NON saranno attivi. Ci scusiamo per il disagio.

AVVISO: dal 10 al 20 Maggio NON sono attivi bar e guardaroba.

Archivio / Teatro

Truman Capote

Questa cosa chiamata amore

Archivio / Teatro

Truman Capote

Questa cosa chiamata amore

Massimo Sgorbani torna al Parenti (dopo “Le cose sottili nell’aria” diretto da Andrée Ruth Shammah) in un testo inedito.
In un irriverente monologo Gianluca Ferrato interpreta la vita di Truman Capote, il cantore di un’ America torbida di cui ha narrato la brillantezza e le oscurità, il diritto alla felicità e la paura per lo sconosciuto, per chi minaccia la tua proprietà, ma anche per chi è comunque irriducibilmente diverso.

Gay, dandy, esibizionista, insomma eccessivo, il Capote, che da solo tiene la scena per un’ora e mezza, si rivolge ad una invisibile interlocutrice, Marilyn Monroe, sua carissima amica, anche lei segnata da un’infanzia difficile e costretta a recitare per tutta la vita un personaggio. Truman Capote si avventa contro il sogno americano facendolo a pezzi in un ritratto pruriginoso di un’ America ipocrita e ingenua. E lo fa nel solo modo possibile, ovvero riappropriandosi dell’unica identità che, a ben vedere, gli è stata realmente concessa: quella di intruso, di una presenza minacciosa. Un attacco a tutto tondo a cui fa da sfondo però un’antica malinconia, una solitudine profonda e insuperabile e, come direbbe Pasolini, una “disperata vitalità”.

Un testo crudele e poetico insieme, dal profondo contenuto sociale, che colpisce al cuore lo spettatore.....Uno spettacolo poetico, intellettuale, a tratti molto più “materiale”, sensuale ed erotico, ma anche violento; un ritratto intelligente e spietato di una società ipocrita.

Niccolò Lucarelli – Sipario

INCONTRO
Martedì 7 febbraio | h 19.00
Lectio di Cinzia Scarpino
Nel segno del doppio. La lezione di Truman Capote
Scopri di più>>