1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti
1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti
Teatro

Il giardino dei ciliegi

Trent'anni di felicità in comodato d'uso

Le recite sono terminate. Clicca qui per i prossimi spettacoli in scena al Parenti.


23 - 28 Ottobre 2018

Sala Tre

1 ora e 40 minuti

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

ideazione e drammaturgia Kepler-452 (Aiello, Baraldi, Borghesi)
regia Nicola Borghesi
con Annalisa e Giuliano Bianchi, Paola Aiello, Nicola Borghesi, Lodovico Guenzi
regista assistente Enrico Baraldi
assistente alla regia Michela Buscema
luci Vincent Longuemare
suoni Alberto “Bebo” Guidetti
scene e costumi Letizia Calori
video Chiara Caliò
foto Luca Del Pia

produzione EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE
Si ringraziano per l’ospitalità e la disponibilità ATER Circuito Multidisciplinare dell’Emilia Romagna, Teatro Comunale Laura Betti e Teatro dell’Argine

Nicola Borghesi, giovane rivelazione del teatro italiano, fondatore della compagnia Kepler - 452 gioca con le problematiche del nostro tempo intrecciandole con storie comuni e portandole sul palco insieme ai protagonisti che le hanno realmente vissute.

Come nei precedenti spettacoli (La rivoluzione è facile se sai come farla e La rivoluzione è facile se sai con chi farla), il regista punta a coinvolgere anche un pubblico non strettamente teatrale. A tal fine, non solo fonde realtà, biografia e finzione scenica, ma si avvale di attori non professionisti, persone comuni, voci ordinarie per storie “extra-ordinarie”.

Come nell’opera di Cechov, anche qui, il tema centrale è la perdita, per ragioni economiche, di un luogo dell’anima. Annalisa e Giuliano, moderni Ljuba e Gaev, hanno vissuto in una casa colonica della periferia di Bologna in comodato d’uso gratuito per trent’anni. Quella casa era il loro regno, fantastico e concreto, un luogo dell’innocenza e della fratellanza aperto pressoché a chiunque: cavalli, mucche, falchi, volpi del deserto, una lumaca gigante, un boa constrictor, un leopardo, un babbuino, una famiglia rom e persino alcuni detenuti ex 41-bis. Ma una mattina di settembre arriva un telegramma con cui il Comune intima lo sfratto.

Annalisa e Giuliano perdono il loro “giardino dei ciliegi” e si ritrovano in bilico fra il rimpianto di un passato che non può tornare e l’attesa di un futuro vago e in cui non si crede più.

  • 1 di 9. © Luca Del Pia
  • 2 di 9. © Luca Del Pia
  • 3 di 9. © Luca Del Pia
  • 4 di 9. © Luca Del Pia
  • 5 di 9. © Luca Del Pia
  • 6 di 9. © Luca Del Pia
  • 7 di 9.
  • 8 di 9.
  • 9 di 9. © Luca Del Pia
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Le recite sono terminate. Clicca qui per i prossimi spettacoli in scena al Parenti.

23 - 28 Ottobre 2018

Sala Tre

1 ora e 40 minuti