Teatro

Questo è il tempo in cui attendo la grazia

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.


7 - 11 Luglio 2021

Sala Grande

1 ora e 5 minuti

© Fabio Condemi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

da Pier Paolo Pasolini
regia Fabio Condemi
drammaturgia e montaggio dei testi Fabio Condemi, Gabriele Portoghese
con Gabriele Portoghese
drammaturgia dell’immagine Fabio Cherstich
filmati Igor Renzetti, Fabio Condemi
assistente alla regia Consuelo Bartolucci

produzione La Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello / Teatro di Roma – Teatro Nazionale / Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone

La grazia, l'esattezza, l'amore che c'è per Pasolini, mi sono sembrati il modo più giusto per avvicinarsi a questo grande poeta.

Mario Martone

Spesso può risultare assai «pericoloso» toccare i testi, o peggio ancora la biografia di Pier Paolo Pasolini, materiale evidentemente ancora «scottante» che raramente trova una resa scenica adeguata o almeno accettabile. Fa piacere invece per una volta apprezzare e godersi le suggestioni che un gruppo di giovani artisti ha elaborato attorno al poeta.
Gianfranco Capitta - Il Manifesto

In scena una biografia onirica e poetica di Pasolini
attraverso le sue sceneggiature.

Un recital di prosa, poesia e video che entra nella officina poetica dello scrittore per riflettere sui temi a lui cari, come lo sguardo puro del fanciullo, la periferia, l’eros, il cristianesimo delle origini, esplorando non il suo cinema cioè il prodotto definitivo delle sceneggiature -, ma il suo sguardo. Uno sguardo in continuo movimento, pieno di echi antichissimi e sempre pronto a cogliere attorno a sé autentici momenti di grazia e di vita. Uno sguardo che ci riguarda, sempre.

Gabriele Portoghese si fa corpo della vita e dell’arte dello scrittore, per uno spettacolo delicato e sentito, che nasce dall’esigenza di commemorare uno dei più grandi intellettuali ed artisti del secondo Novecento.

Tutta l’opera letteraria, cinematografica e persino politica di Pasolini sembra attraversata da momenti di eccezione in cui gli esseri umani diventano lucciole – esseri luminescenti, danzanti, erratici, inafferrabili e, come tali resistenti – sotto il nostro sguardo meravigliato. – Georges Didi-Huberman, Come le lucciole.

Il pubblico non smetterebbe di ascoltare Gabriele Portoghese [...] Gli spettatori e le spettatrici non vogliono andarsene, continuano ad applaudire, sembrano non voler uscire da quella dimensione grezza di spazio e tempo, lisa e bucata, proprio là dove entra la luce. [...] Non ci sono ridondanze, è una scrittura pulita che si basa su di un'economia di senso senza eccesso, religiosa nel sapere legare insieme concetto-immaigne-corpo.
Lucia Medri - Teatro e Critica

Leggi tutte le recensioni

Al Pasolini hanno fatto la Grazia. Suggestioni di giovani artisti
Il Manifesto, Gianfranco Capitta
La parola cinematografica di Pasolini nel teatro di Fabio Condemi
Teatro e Critica, Lucia Medri

Il titolo dello spettacolo è tratto da un verso della poesia di Pasolini, Le nuvole si sprofondano lucide, inserita nella raccolta Dal diario (1945-1947), Salvatore Sciascia, Caltanissetta, maggio 1954.

Ti aspettiamo
APERITIVO, tutti i giorni dalle 19.00
con il nuovo servizio ristoro GūD Bagni Misteriosi
Scopri di più
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.

7 - 11 Luglio 2021

Sala Grande

1 ora e 5 minuti