Teatro

Marjorie Prime

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.


11 Gennaio - 11 Gennaio
Teatro Trivulzio - MELZO
12 Gennaio - 12 Gennaio
Teatro Lirico - MAGENTA
13 Gennaio - 14 Gennaio
Teatro Era - PONTEDERA
15 Gennaio - 15 Gennaio
Teatro Arena del sole - ROCCABIANCA (PR)
© Noemi Ardesi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Jordan Harrison
traduzione Matteo Colombo
con Ivana Monti, Elena Lietti, Pietro Micci, Sebastiano Spada
regia Raphael Tobia Vogel
produzione Teatro Franco Parenti

Ivana Monti, grande interprete del teatro italiano, è Marjorie, una donna che, affetta da Alzheimer e con il suo senso di identità in perenne deterioramento, passa le sue giornate a parlare con la copia digitale del defunto marito.

Un testo intrigante di Jordan Harrison, finalista al Pulitzer 2015, che si interroga sul  rapporto futuribile fra umano e intelligenza artificiale, fra memoria e identità.

Ma cosa ci rende umani se le macchine arrivano ad assomigliarci e a ricordare?

Il testo di Jordan Harrison messo in scena da Raphael Tobia Vogel con una bravissima Ivana Monti e una prova notevole di Elena Lietti, sorprende non solo per i temi toccati, l’Alzheimer e il rapporto futuribile fra umano e intelligenza artificiale, ma anche per la qualità della resa teatrale.
Maria Grazia Gregori - dalteatro.it
Tutti gli attori danno prova di un affiatamento artistico che rende tangibile la verosimiglianza dei dialoghi e altresì dei rapporti sottesi. Ciò che emerge maggiormente è, invero, la complessità delle relazioni affettive particolarmente intime, come possono essere quella dei genitori e figli e quella di una coppia di coniugi. Il rapporto con le macchine, difatti, pare servire a tratti più da pretesto per mettere in luce le dinamiche relazionali problematiche nelle quali ciascuno è immerso, a volte senza facoltà d'uscirne indenne.
Virginia Benenati – teatro.it
Un testo intrigante che s’interroga senza moralismi su relazioni artificiali e identità, ma anche sul tempo e su ciò che resterà di noi, sulle difficoltà dell’età che avanza, i bisogni più intimi, la memoria individuale e pubblica e sulle nuove forme di vita digitale.”
Livia Grossi – Corriere delle Sera
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.

11 Gennaio - 11 Gennaio
Teatro Trivulzio - MELZO
12 Gennaio - 12 Gennaio
Teatro Lirico - MAGENTA
13 Gennaio - 14 Gennaio
Teatro Era - PONTEDERA
15 Gennaio - 15 Gennaio
Teatro Arena del sole - ROCCABIANCA (PR)