Cartellone 2023 - 2024 / Teatro

Cirano deve morire

Cartellone 2023 - 2024 / Teatro

Cirano deve morire

Uno spettacolo–concerto tra poesia romantica e rap feroce, in bilico tra musical e dj set, costumi d’epoca e luci strobo per raccontare la storia d’amore e inganno di Cyrano de Bergerac come non l’avete mai sentita.

Spettacolo vincitore della Biennale College Teatro – Registi Under 30 (edizione 2018–19), una riscrittura per tre voci del Cyrano di Bergerac di Edmond Rostand. Uno spettacolo–concerto tra poesia romantica e rap feroce, in bilico tra musical e dj set, costumi d’epoca e luci strobo per raccontare la vicenda di uno dei più famosi “triangoli” del teatro moderno, come non l’avete mai sentita., Cirano deve morire è una riscrittura per tre voci dell’opera di Edmond Rostand. Una straordinaria storia di amore e di amicizia, uno dei più famosi “triangoli” del teatro moderno: due amici e una donna di cui entrambi si innamorano; tre giovani, proprio come gli attori chiamati a interpretarli sulla scena.

Una resa dei conti in cui Rossana, unica sopravvissuta, non riesce a liberarsi dei fantasmi che hanno distrutto la sua vita con l’inganno di un amore impossibile, ma che allo stesso tempo le hanno donato gli unici momenti di felicità, con la forza della fantasia.

Rime taglienti e ritmo indiavolato per uno spettacolo che trasforma la poesia di fine ‘800 in potenti versi rap, perfetti per “moltiplicare i significati in modo perverso e labirintico”.

Un Cirano tellurico, rotto, indiavolato, stroboscopico.

– Rodolfo di Giammarco, la Repubblica

14 - 17 Dicembre 2023

Ti potrebbe interessare

Ti potrebbe interessare

Teatro

Schegge di memoria disordinata a inchiostro policromo

data da definire

Un’esplorazione delle insondabili profondità dell’animo umano, delle sue sfolgoranti illuminazioni, delle sue inconfessabili oscurità. Di Gianni Forte, regia Fausto Cabra, con Raffaele Esposito.

Un’esplorazione delle insondabili profondità dell’animo umano, delle sue sfolgoranti illuminazioni, delle sue inconfessabili oscurità. Di Gianni Forte, regia Fausto Cabra, con Raffaele Esposito.