Cartellone 2023 - 2024 / Incontri e Libri

Incontro con Gian Arturo Ferrari

La storia se ne frega dell’onore

Cartellone 2023 - 2024 / Incontri e Libri

Incontro con Gian Arturo Ferrari

La storia se ne frega dell’onore

Un’indagine appassionante sugli ambigui rapporti tra chi i libri li pubblica e chi vorrebbe, più o meno metaforicamente, bruciarli.

Gian Arturo Ferrari, che ha fatto l’editore per tutta la vita e che sull’editoria riflette e scrive – ricordiamo il successo della sua Storia confidenziale dell’editoria italiana –, esordisce nel giallo con una storia che ricostruisce uno degli ambiti meno esplorati del fascismo italiano: l’editoria.

C’è un libro, anzi un manoscritto, misterioso. Luigi Bassetti, antifascista e direttore editoriale di una grande casa editrice, non se ne stacca mai, se lo porta sempre appresso in una borsa a tracolla, non lo fa vedere a nessuno, non ne parla con nessuno. Tranne, ma solo per vaghi cenni, con Donatella Modiano, suo braccio destro e sua amante, a capo della segreteria editoriale. Non sa, Bassetti, che Donatella è stata ricattata e arruolata come informatrice da un alto funzionario della polizia politica segreta, il commissario. Il quale vuole anche lui sapere, a tutti i costi, che cosa c’è scritto in quel famoso libro. Teme infatti che vi sia nascosto qualcosa di esplosivo, persino letale, per il regime fascista. Al momento, dopo la conquista dell’impero, trionfante. E forse anche per la stessa figura di Mussolini, l’onnipotente Duce. Nella Milano del 1936, città di intrighi e di sospetti, dove molti hanno una doppia faccia e tutti sono avvolti da una ragnatela di silenzi, si dipana una doppia indagine. Quella del commissario, che non si ferma di fronte a nulla, e quella di Donatella, che dopo la morte in un incidente all’apparenza casuale di Bassetti, di Luigi, del suo amore, sente crescere dentro di sé una rabbia feroce, una volontà sempre più determinata di andare fino al fondo, di sapere la verità e di chiudere i conti.

Gian Arturo Ferrari (1944) ha perseguito per un certo tratto una doppia vita – da un lato l’insegnamento universitario, dall’altro l’apprendistato editoriale –, per poi scegliere nel 1989 l’editoria libraria come propria unica vita, dimettendosi dall’università. Direttore dei Libri Mondadori nei primi anni Novanta, è stato dal 1997 al 2009 direttore generale della divisione Libri Mondadori, e dal 2015 al 2018 è stato vicepresidente di Mondadori Libri. È stato editorialista del Corriere della Sera ed è presidente del Collegio Ghislieri di Pavia. È autore di Il libro (Bollati Boringhieri 2014, 2023), Ragazzo italiano (Feltrinelli 2020, finalista al premio Strega) e Storia confidenziale dell’editoria italiana (Marsilio 2022, premio internazionale Viareggio Rèpaci e premio Biella Letteratura e Industria 2023 – premio speciale della giuria).

5 Giugno 2024

Ti potrebbe interessare

Ti potrebbe interessare

Incontri e Libri

Incontro con Vittorio Zincone e Mario Calabresi

Matteotti. Dieci vite
17 Giugno 2024

A cento anni dall’omicidio di Giacomo Matteotti, Vittorio Zincone ripercorre la storia di un uomo, di un leader politico, che ha visto avanzare il fascismo centimetro dopo centimetro.

A cento anni dall’omicidio di Giacomo Matteotti, Vittorio Zincone ripercorre la storia di un uomo, di un leader politico, che ha visto avanzare il fascismo centimetro dopo centimetro.

Incontri e Libri

Incontro con Alberto De Biasi e Mauro Berruto

L’arte del talento
20 Giugno 2024

Perché alcune persone diventano le migliori nel loro campo e altre no? È questione di talento… ma, allora, cos’è il talento? Alberto De Biasi ne propone una definizione che unisce predisposizione naturale, disciplina, motivazione e opportunità, intrecciando esperienze, studi ed esempi tratti dal mondo della formazione e dello sport.

Perché alcune persone diventano le migliori nel loro campo e altre no? È questione di talento… ma, allora, cos’è il talento? Alberto De Biasi ne propone una definizione che unisce predisposizione naturale, disciplina, motivazione e opportunità, intrecciando esperienze, studi ed esempi tratti dal mondo della formazione e dello sport.

Incontri e Libri

Incontro con Jan-Philipp Sendker

28 Giugno 2024

In occasione della prima di L’arte di ascoltare i battiti del cuore di Jan-Philipp Sendker  – in scena al Teatro Elfo Puccini il 29 Giugno –, l’autore dialoga con Cinzia Mela, Monica Nasti, Fred Santambrogio, Irina Solinas, Sandeep Das.

In occasione della prima di L’arte di ascoltare i battiti del cuore di Jan-Philipp Sendker  – in scena al Teatro Elfo Puccini il 29 Giugno –, l’autore dialoga con Cinzia Mela, Monica Nasti, Fred Santambrogio, Irina Solinas, Sandeep Das.