Cartellone 2023 - 2024 / Teatro

L’eterno marito

Cartellone 2023 - 2024 / Teatro

L’eterno marito

Siamo ancora in grado di esercitare la cura? Di essere padri, maestri, guide? Da questo provocatorio monito lanciato da Dostoevskij ne L’eterno marito, in scena un adattamento di Davide Carnevali che è un viaggio tra il sogno e la realtà dentro i movimenti dell’animo umano.

Nel corso della vita capita di rendersi conto che l’immagine che ci siamo scelti, o, meglio, che desideriamo per noi stessi, ci guardi dall’alto e ci costringa, come imputati, alla sbarra di un processo che decidiamo di autoinfliggerci.

Quanto c’è di obiettivo in questo giudizio? Quanto è frutto del contesto in cui siamo immersi?

La storia interrogherà l’uomo sul peso dei sensi di colpa – che grava sull’anima – per quelle scelte sbagliate, negative o positive, reali o immaginate della vita.

Una messinscena vivace, cupa e pro­fonda, con stratificazioni di significati grazie alla regia di Claudio Autelli, che ha sapientemente mixato cinema e tea­tro, all’acuta riscrittura di Davide Carnevali del testo di Dostoevskij. Sul palco due attori esperti e affidabili, Ciro Ma­sella e Francesco Villano, che, oltre alla recitazione, hanno apportato nel sotto­testo anche pillole sparse delle proprie autobiografie, rendendo la pièce ambi­gua, tra realtà e (auto)fiction.

– Tommaso Chimenti, Hystrio

Claudio Autelli. Regista, formatore e direttore artistico dell’Associazione culturale LAB121 di Milano, è diplomato in regia teatrale presso la Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Nel 2012 è invitato da Luca Ronconi a partecipare al Laboratorio internazionale della Biennale di Venezia. Nel biennio 2010/12 partecipa al Progetto L’isola della pedagogia diretto da Anatolij Vasiliev. Nel triennio 2006/09 è regista residente del Teatro Litta di Milano all’interno del progetto Work in Progress patrocinato dall’Ente Teatrale Italiano. Collabora e ha collaborato come regista con diverse realtà nazionali come Fondazione Teatro Franco Parenti, Centro Teatrale Bresciano, Centro di Ricerche Teatrali di Milano Triennale – Teatro dell’Arte, Fondazione Pontedera Teatro, MTM Teatro Litta di Milano, Fondazione Teatro Fraschini di Pavia, Teatro Gioco Vita di Piacenza. I suoi ultimi progetti sono: L’eterno marito di Davide Carnevali (2023), La fine del mondo di Fabrizio Sinisi (2022), Confirmation di Chris Thorpe (2021) Nel vuoto monologo online di Fabrizio Sinisi, Ritratto di donna araba che guarda il mare di Davide Carnevali (Premio Riccione 2013), L’inquilino da Roland Topor, L’insonne da Agota Kristof. Nel 2024 debutterà con un riadattamento ad opera di Fabrizio Sinisi del romanzo I demoni di Dostoevskij, produzione del Centro Teatrale Bresciano e del LAC di Lugano, e curerà la regia di Amen di Massimo Recalcati per il Teatro Franco Parenti di Milano.
Davide Carnevali. Le sue opere sono presentate in diversi festival internazionali, e sono tradotte in diverse lingue. Tra i teatri che hanno messo in scena le sue opere, il Centre Dramatique National de Nancy, Eesti Dramateater, ERT Emilia-Romagna Teatro e il Piccolo Teatro di Milano. In Italia è pubblicato da Einaudi. Per la sua attività di autore, nel 2018 gli è stato conferito il Premio Hystrio alla Drammaturgia.
Francesco Villano, attore, performer. In teatro lavora con Antonio Latella, Giorgio Barberio Corsetti, Giuliana Musso, Fabrizio Arcuri, Lisa Ferlazzo Natoli, Emma Dante, Veronica Cruciani, Davide Iodice, Carmelo Rifici, Serena Sinigaglia, Claudio Autelli, Pierpaolo Sepe, Luciano Colavero.
Ciro Masella, attore e regista, ha lavorato con Luca Ronconi, Massimo Castri, Gigi Dall’Aglio, Federico Tiezzi, Roberto Latini, Ferdinando Bruni, Michele Sinisi, Giuliano Scarpinato, per il Teatro di Roma, il Piccolo di Milano, ERT-Emilia-Romagna Teatro, il Teatro Metastasio di Prato, il Teatro Stabile dell’Umbria, il CSS di Udine, il Teatro Due di Parma, la Compagnia Lombardi-Tiezzi, Carrozzeria Orfeo, Elsinor, Teatro dell’Elfo.

9 - 18 Febbraio 2024