Cartellone 2023 - 2024 / TeatroLa nuova scena

Quando le porte delle case resteranno di nuovo aperte

Cartellone 2023 - 2024 / TeatroLa nuova scena

Quando le porte delle case resteranno di nuovo aperte

Appaio dunque sono. Uno spettacolo che affronta le derive del mondo social abitato da spettatori passivi che inventano un finto sé.

Partendo dalla vicenda di Antonio Stano, tragico caso di bullismo condiviso sui social da ragazzini per aumentare la propria popolarità, in scena una riflessione sul cambiamento culturale della nostra epoca.

Nel 2019 Antonio Stano morirà all’ospedale di Taranto dopo aver passato giorni dentro casa senza sfamarsi. Nel suo paese era chiamato “il Pazzo” e il suo ruolo nella comunità ridotto a quello d’oggetto del giogo d’una squadra di giovanissimi che lo perseguitavano per poter poi filmare e condividere su WhatsApp le loro azioni. Antonio, per sfuggire loro, si era chiuso dentro casa senza più mettere piede fuori.

In scena un’indagine sulle dinamiche sociali che connotano questa vicenda. I beni di consumo e la cultura audiovisiva prima, i social poi, sono entrati a far parte di noi stessi, del modo in cui ci rapportiamo gli uni agli altri, con il rischio di marginalizzare il singolo dentro la sola forma dello spettatore, chiuso dietro delle porte sbarrate a fare da guardia ai propri averi o dietro degli schermi per imparare a recitare un nuovo sé stesso. La pièce imbastisce un dialogo onesto tra scena e platea, un’occasione assembleare di confronto.

Spettacolo strano, curioso, tutto rivolto a ciò che il mondo sta vivendo oggi in una diffusa multimedialità. […] I ragazzi chattano con i loro cellulari anche a pochi metri di distanza uno dall’altro. Questo succede. Diventando ognuno un mostro che voglia mettere in mostra il suo io, altrimenti è come se non esistesse. Allo stesso modo come quando in passato un fatto non pubblicato su un giornale era come se non fosse mai accaduto. Apparire. Questo il verbo imperante. Questo conta oggi. Se non appari non esisti. Appaio dunque sono sostituisce il cartesiano cogito ergo sum.

– Gigi Giacobbe, Sipario

23 - 26 Febbraio 2024

Acquista

Ti potrebbe interessare

Ti potrebbe interessare

Teatro
La nuova scena

La sparanoia

Atto unico senza feriti gravi purtroppo
27 Febbraio - 10 Marzo 2024

Con cinico surrealismo e al ritmo di rapide stilettate dialogiche, i pluripremiati Fettarappa e Guerrieri, indagano il peso del mondo che grava su “i giovani” ormai addomesticati. Una generazione di serial killer narcolettici che, invece che conquistare la piazza, sonnecchiano su un cuscino.

Con cinico surrealismo e al ritmo di rapide stilettate dialogiche, i pluripremiati Fettarappa e Guerrieri, indagano il peso del mondo che grava su “i giovani” ormai addomesticati. Una generazione di serial killer narcolettici che, invece che conquistare la piazza, sonnecchiano su un cuscino.

Teatro
La nuova scena

Ion

12 - 17 Marzo 2024

Colpi allo stomaco e al cuore, quelli inflitti da questa tragedia meridionale, ambientale e mentale.  È la storia di due fratelli e del loro rapporto e conflitto ancestrale, nel contesto di una oscura Lucania. Scritto e diretto da Dino Lopardo.

Colpi allo stomaco e al cuore, quelli inflitti da questa tragedia meridionale, ambientale e mentale.  È la storia di due fratelli e del loro rapporto e conflitto ancestrale, nel contesto di una oscura Lucania. Scritto e diretto da Dino Lopardo.

Teatro

Scene da un matrimonio

15 - 24 Marzo 2024

Ispirato al celebre capolavoro di Ingmar Bergman, lo spettacolo di Raphael Tobia Vogel esplora le dinamiche che caratterizzano la relazione di coppia e il tema dei sentimenti familiari. Con Fausto Cabra e Sara Lazzaro.

Ispirato al celebre capolavoro di Ingmar Bergman, lo spettacolo di Raphael Tobia Vogel esplora le dinamiche che caratterizzano la relazione di coppia e il tema dei sentimenti familiari. Con Fausto Cabra e Sara Lazzaro.

Teatro

Letizia va alla guerra

La suora, la sposa, la puttana
20 - 24 Marzo 2024

Un racconto tragicomico, di tenerezza e verità, un omaggio alle vite preziose di persone “comuni”, che, pur senza esserne protagoniste, hanno fatto la Storia. Tre grandi donne, due guerre mondiali, un sottile fil rouge ad unirle: uno stesso nome, un unico destino.

Un racconto tragicomico, di tenerezza e verità, un omaggio alle vite preziose di persone “comuni”, che, pur senza esserne protagoniste, hanno fatto la Storia. Tre grandi donne, due guerre mondiali, un sottile fil rouge ad unirle: uno stesso nome, un unico destino.