1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti
1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti

La leggenda del santo bevitore

a grande richiesta, nuove repliche fino al 19 Febbraio

25 Gennaio - 19 Febbraio 2023

Si avvisa il gentile pubblico che la replica di mercoledì 15 Febbraio è stata annullata.

mercoledì 25 Gennaio h 19:15
giovedì 26 Gennaio h 20:30
venerdì 27 Gennaio h 19:15
sabato 28 Gennaio h 19:15
domenica 29 Gennaio h 15:45
martedì 31 Gennaio h 20:30
mercoledì 1 Febbraio h 19:15
giovedì 2 Febbraio h 20:30
venerdì 3 Febbraio h 19:15
sabato 4 Febbraio h 19:15
domenica 5 Febbraio h 15:45
martedì 7 Febbraio h 20:30
mercoledì 8 Febbraio h 19:15
giovedì 9 Febbraio h 20:30
venerdì 10 Febbraio h 19:15
sabato 11 Febbraio h 19:15
domenica 12 Febbraio h 15:45
martedì 14 Febbraio h 20:30
giovedì 16 Febbraio h 20:30
venerdì 17 Febbraio h 19:15
sabato 18 Febbraio h 19:15
domenica 19 Febbraio h 15:45

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala A

1 ora e 20 minuti

PRIMO SETTORE (file A–F)
intero 30€
SECONDO SETTORE (file G–S)
intero 22€; under26/over65 15€; convenzioni 18€
GALLERIA (file T–ZZ)
intero 18€; under26/over65 15€; ; convenzioni 15€
_________________________

 Tutti i prezzi non includono i diritti di prevendita.

_______________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Card libera 22-23

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Joseph Roth
adattamento e regia Andrée Ruth Shammah
con Carlo Cecchi
e con Roberta Rovelli e Giovanni Lucini
spazio scenico disegnato da Gianmaurizio Fercioni
con le suggestioni visive di Luca Scarzella e Vinicio Bordin
luci Marcello Jazzetti
costumi Barbara Petrecca

produzione Teatro Franco Parenti

Andrée Ruth Shammah sceglie di riallestire lo spettacolo che quindici anni fa vide protagonista Piero Mazzarella con una memorabile interpretazione.

In scena il testo di Joseph Roth che, con la sua anima di poeta, ha regalato in poche pagine, limpide e asciutte, una di quelle storie che fanno subito breccia nel nostro cuore.

Sarà il maestro Carlo Cecchi, con quella sua voce roca, quel suo tono ironico e distaccato, a disvelare la parabola del protagonista Andreas come un’inquietante discesa nel delirio, ma soprattutto nell’impotenza, di quella oscurità ubriaca e piena di lampi che scandisce i suoi ultimi istanti di vita.


Così la stampa:

La lettura di Ruth Shammah è fortemente simbolica. La sua elaborazione drammaturgica è ricca di suggestioni e articolata su vari livelli interpretativi. (…) Insomma, la Shammah ci ha offerto, ancora una volta, una gran bella pagina di teatro.
Maurizio Carra – Teatrionline

Rifuggendo il pittoresco, giocando in penombra, alla regista milanese basteranno gli accenni di qualche nostalgica canzoncina e una scena minima che rappresenta un bistrò le cui pareti ricevono le immagini di una Parigi piovosa e d’antan (…) lo spettacolo è di quelli che possono lasciare un segno.
Domenico Rigotti – Hystrio

La fine regia di Andrée Ruth Shammah situa la vicenda, che assume i colori dell’apologo, in un bar anni Trenta (…) e tratteggia l’impossibilità di agire del protagonista, la sua vicenda raccontata come un’inquietante discesa nel delirio, ma sopratutto nell’impotenza, in quella oscurità ubriaca e piena di lampi che scandisce i suoi ultimi istanti di vita.
Maria Grazia Gregori – L’Unità

Quanto alla lettura è tutt’altro che tradizionale. La vita sregolata di Andres, nella visione di Shammah, è priva di sensi di colpa e conduce comunque a una bella morte, chiusura di un’esistenza vissuta in un secondo.
Igor Principe – Il Giornale

 

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

25 Gennaio - 19 Febbraio 2023

Si avvisa il gentile pubblico che la replica di mercoledì 15 Febbraio è stata annullata.

mercoledì 25 Gennaio h 19:15
giovedì 26 Gennaio h 20:30
venerdì 27 Gennaio h 19:15
sabato 28 Gennaio h 19:15
domenica 29 Gennaio h 15:45
martedì 31 Gennaio h 20:30
mercoledì 1 Febbraio h 19:15
giovedì 2 Febbraio h 20:30
venerdì 3 Febbraio h 19:15
sabato 4 Febbraio h 19:15
domenica 5 Febbraio h 15:45
martedì 7 Febbraio h 20:30
mercoledì 8 Febbraio h 19:15
giovedì 9 Febbraio h 20:30
venerdì 10 Febbraio h 19:15
sabato 11 Febbraio h 19:15
domenica 12 Febbraio h 15:45
martedì 14 Febbraio h 20:30
giovedì 16 Febbraio h 20:30
venerdì 17 Febbraio h 19:15
sabato 18 Febbraio h 19:15
domenica 19 Febbraio h 15:45

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala A

1 ora e 20 minuti

PRIMO SETTORE (file A–F)
intero 30€
SECONDO SETTORE (file G–S)
intero 22€; under26/over65 15€; convenzioni 18€
GALLERIA (file T–ZZ)
intero 18€; under26/over65 15€; ; convenzioni 15€
_________________________

 Tutti i prezzi non includono i diritti di prevendita.

_______________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Card libera 22-23

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

X Chiudi

Si avvisa il gentile pubblico che la replica di mercoledì 15 Febbraio è stata annullata.

La leggenda del santo bevitore

25 Gennaio - 19 Febbraio 2023
Ti potrebbe interessare

Azul

Gioia, Furia, Fede y Eterno Amor
17 - 26 Marzo 2023

Stefano Accorsi torna al Parenti con uno spettacolo sospeso fra sogno e realtà. Semplicità, amicizia, ironia e fragilità in un dipinto di passione per calcio, musica e colori, che chiama in causa la partecipazione immaginifica del pubblico. Scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca.

Coppie e doppi

28 Marzo - 6 Aprile 2023

La grande Anna Galiena torna sul palco del Parenti con un omaggio a Shakespeare. Un gioco di rimandi e seduzione in cui si fronteggiano gli opposti, maschio e femmina, che sono in ognuno di noi.

Cassandra

30 Marzo - 6 Aprile 2023

Tratta dal romanzo di Christa Wolf e interpretata da Cecilia Lupoli, la Cassandra di Carlo Cerciello interroga il voyeurismo dello spettatore di fronte al dolore, in una potente messinscena versione peep-show.

Fratellina

30 Marzo - 2 Aprile 2023

In scena l’ultimo attesissismo lavoro del duo artistico Scimone-Sframeli – già premio Ubu -,  dove stati d’ansia, sofferenza e delusione si sciolgono in sorriso e ironia. Un piccolo gioiello teatrale di rara sapienza evocativa.