26 Aprile - 7 Maggio 2022
© Francesco Bozzo
martedì 26 Aprile h 20:30
mercoledì 27 Aprile h 19:15
giovedì 28 Aprile h 20:30
venerdì 29 Aprile h 19:15
sabato 30 Aprile h 19:15
domenica 1 Maggio h 15:45
martedì 3 Maggio h 19:15
mercoledì 4 Maggio h 19:15
giovedì 5 Maggio h 20:30
venerdì 6 Maggio h 19:15
sabato 7 Maggio h 19:15

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala AcomeA

1 ora

I settore > intero 30€
II settore > intero 22€; under26/over65 15€; convenzioni 18€
Galleria > intero 18€; under26/over65 15€; ; convenzioni 15€
_________________________

Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_________________________

Lo spettacolo è inserito nell’abbonamento INVITO A TEATRO con possibilità di prenotare i posti dal II settore.
_________________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Il piacere di variareCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Roberta Skerl
con Ivana Monti
regia Giampiero Rappa
scene Laura Benzi
luci Marco Laudando
assistente alla regia Maria Federica Bianchi e Beatrice Cazzaro
montaggio audio Alberto Basaluzzo
macchinista Paolo Roda
elettricista Nicola Voso
sarta Simona Dondoni
scene costruite presso il laboratorio del Teatro Franco Parenti

produzione Teatro Franco Parenti

 

Una grande attrice per un piccolo capolavoro teatrale.

Ivana Monti protagonista di un monologo che trova il suo centro intorno al dialogo con la memoria. Individuale, certo. Eppure in grado di intrecciarsi con quella di Milano.
Diego Vincenti - Il Giorno
Risate e malinconia per “un testo in cui nel racconto di una vita rivive una città che è da sempre emblema di momenti epocali dell’Italia”.
Avvenire

Lorenteggio. Uno dei comprensori di case popolari tra i più degradati di Milano sarà sottoposto a ristrutturazione e i residenti temporaneamente spostati altrove. Nonostante la prospettiva positiva, gli inquilini anziani fanno resistenza; tra loro, Adriana, vecchia milanese comicamente scorbutica.

Nel suo fatiscente appartamento, attorniata da scatoloni, la donna affronta la sfida rievocando la propria storia e quella di una Milano che non esiste più. Intorno a lei ruota l’oggi: immigrazione, abusivismo, case che cadono a pezzi e scocciatori alla porta.

Il pubblico si scioglie in un lunghissimo applauso per Ivana Monti, sua straordinaria interprete [...] Un mix di talenti che ha dato vita a un piccolo capolavoro teatrale.
Silvana Costa - Artalks
Rassegna stampa
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

26 Aprile - 7 Maggio 2022

martedì 26 Aprile h 20:30
mercoledì 27 Aprile h 19:15
giovedì 28 Aprile h 20:30
venerdì 29 Aprile h 19:15
sabato 30 Aprile h 19:15
domenica 1 Maggio h 15:45
martedì 3 Maggio h 19:15
mercoledì 4 Maggio h 19:15
giovedì 5 Maggio h 20:30
venerdì 6 Maggio h 19:15
sabato 7 Maggio h 19:15

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala AcomeA

1 ora

I settore > intero 30€
II settore > intero 22€; under26/over65 15€; convenzioni 18€
Galleria > intero 18€; under26/over65 15€; ; convenzioni 15€
_________________________

Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_________________________

Lo spettacolo è inserito nell’abbonamento INVITO A TEATRO con possibilità di prenotare i posti dal II settore.
_________________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Il piacere di variareCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

X Chiudi

Una vita che sto qui

26 Aprile - 7 Maggio 2022
Ti potrebbe interessare

Anna dei miracoli

10 - 22 Maggio 2022

Una storia vera sull’epocale passaggio alla lingua dei segni: una storia che racconta tanto di noi, dei nostri limiti e del coraggio necessario a superarli. Con Mascia Musy, regia Emanuela Giordano. Produzione Teatro Franco Parenti per l’Associazione Lega del Filo d’Oro.

La fine del mondo

25 - 29 Maggio 2022

In una Venezia contemporanea e avveniristica, nel suo ultimo giorno prima dell’affondamento, la vicenda di quattro ragazzi si fa metafora della fine del mondo. Di Fabrizio Sinisi, regia Claudio Autelli.