Si avvisa il gentile pubblico che giovedì 18 Aprile in via straordinaria il foyer NON sarà accessibile e i servizi di bar e guardaroba NON saranno attivi. Ci scusiamo per il disagio.

AVVISO: giovedì 18.04 il foyer NON è accessibile e NON sono attivi bar e guardaroba.

Archivio / TeatroLa nuova scena

Come vorrei non morire

Archivio / TeatroLa nuova scena

Come vorrei non morire

Una tragicommedia, una dark love comedy, una storia vera. In scena un monologo brillante e ironico interpretato da Daria Pascal Attolini.

La protagonista ritrova suo padre, assente per buona parte della sua vita, e lo perde nuovamente.
La storia vera e autobiografica dell’autrice, qui anche regista e interprete, che, nello stare accanto al padre malato, ritrova parte del suo passato e lo ricostruisce, rimette insieme i pezzi della loro storia, scopre cose che non sapeva, costruisce un dialogo in cui è finalmente possibile dirsi cose che non erano mai state dette.

Un racconto sul senso della vita, l'esserci e lo starsi vicini, in cui la morte è esorcizzata con una risata.

Mentre la morte del padre lascia aperti alcuni quesiti – l’immortalità dell’arte e l’effimero della vita, il teatro come possibilità di esistere altrove, la crudezza della realtà che non permette di pensarsi eterni, il momento esatto in cui si muore… – chi cerca di consolarla genera situazioni imbarazzanti, tragicomiche. I parenti che in certi casi non sanno cosa dire e finiscono per dire la cosa sbagliata, i colleghi di lavoro, il prete che bisbiglia, i conoscenti, tutti farebbero meglio a starsene zitti. Gli unici che sanno il fatto loro, in certi casi, sono “quelli delle pompe funebri”. Entrano in casa del morto e sanno esattamente cosa fare e come muoversi: dei veri professionisti.

Daria Pascal Attolini è un’attrice italo-tedesca. Si diploma nel 2007 alla Scuola d’arte drammatica Paolo Grassi. Lavora in teatro con i registi Carlo Cerciello, Leo Muscato, Beppe Navello, Gigi Proietti, Fausto Russo Alesi, Andrea Baracco, Emiliano Bronzino, Alessio Bergamo, Ugo Gregoretti e Andrea Borini. Si perfeziona lavorando con Jan Lauwers e Lluis Pasqual alla biennale di Venezia e nel 2015 frequentando la masterclass per attori del Centro teatrale Santa Cristina, fondata da Luca Ronconi. Si divide tra la prosa, il cinema e la tv. Di recente in onda il film su Rai1 La bambina che non voleva cantare di Costanza Quatriglio l’ha vista nel ruolo di Nora. Dal 2012 al 2017 ha collaborato stabilmente con il Teatro Astra di Torino.