Avvenire – Un ” Amen” oltre l’essere per il debutto di Recalcati

© Noemi Ardesi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Amen, una parola potentissima e fragilissima, una parola che  benedice, un sì alla vita. Ma anche l ultima parola, il congedo dalla vita». Una breve apparizione in video dello psicanalista Massimo Recalcati ci porta subito al cuore del suo primo lavoro teatrale, Amen, per l appunto, che ha debuttato ieri al Teatro Franco Parenti a Milano (che lo produce con Tpe e Ert) e poi in tour. Una parola di origini ebraiche indissolubilmente legata alla preghiera, che riecheggia e rimbomba nell’ animo dell’autore e degli attori che gli danno voce per una invocazione laica nata in pandemia, ma che alla fine tanto laica non è. L autore parte da una drammatica nota biografica: nato prematuro, venne dato per spacciato, il battesimo fu anche estrema unzione, ma la forza della vita fu più forte, il battito di quel piccolo cuore non si fermò.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi