Il Giornale – Aspettando Vecchioni, a teatro per il suo libro

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Uno come Roberto Vecchioni non dovrebbe emozionarsi facilmente:da decenni gli chiedono l’autografo, non c’è italiano che non conosca qualcuna delle sue canzoni, non c’è milanese che non abbia ascoltato almeno una volta «dammi indietro la mia Seicento, i miei vent’anni e la ragazza che tu sai » (cioè « Luci a San Siro » ). Eppure,una simile scorza d’uomo ha detto: « La trasposizione per il teatro di ciò che ho scritto mi dà una gioia immensa, mi commuove.Penso che il teatro sia davvero la creazione.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi