1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti
1972 - 2022 Cinquant’anni del Parenti

Il Giornale – «Tennessee Williams? Una sfida più grande di Filumena Marturano»

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Antonio Bozzo

Un attrice di grande valore, un testo che ha segnato il teatro del Novecento -con lunghe teniture a New York e Londra, poi in ogni grande città del mondo -, il ricordo di un film di Elia Kazan (con Marlon Brando e Vivien Leigh) che nel 1952 fece incetta di premi, tra cui alcuni Oscar: serve altro per sedersi in poltrona e godersi Un tram che si chiama desiderio di Tennessee Williams, al Franco Parenti da stasera al 27 febbraio?  «Torno a un lavoro di Williams, autore che leggo da sempre e di cui ho interpretato La gatta sul tetto che scotta e La rosa tatuata, dopo la mia Filumena Martorano. E dopo Filumena è difficile restare a quel livello. Con Blanche Du Bois credo di esserci riuscita», dice Mariangela D Abbraccio, protagonista con Daniele Pecci del dramma Premio Pulitzer nel 1947. Per D Abbraccio, attrice napoletana di molta esperienza, nata in una famiglia di artisti e musicisti, per anni compagna e sodale di Giorgio Albertazzi, «un uomo che ruggiva e si mangiava la vita e la scena» (così lo definì in un intervista), questo ruolo non è una semplice tappa della carriera.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi