La Repubblica – Io, Ken Loach e la classe operaia

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Non c’era spazio per la sua esistenza da operaio, paralizzato per un incidente sul lavoro a trentacinque anni e destinato a morire giovane cometanti altri, come mio fratello decedutoqualche mese fa,una delle tante vite disperse che di solito non racconta mai nessuno». Édouard Louis, una delle voci più potenti della letteratura francese, arriva in Italia portando in scena lo spettacolo teatrale tratto dal suo romanzo Chi ha ucciso mio padre. Loscrittoreè autore einterprete della pièce in scena domani nell ambito della Milanesiana, ideatae diretta da Elisabetta Sgarbi. Louis,29 anni, si definisce «transfuga di classe», sfuggito grazie agli studi al determinismo di un misero paesino del nord della Francia, senza però mai dimenticare lesueorigini, come AnnieErnaux che pure dedicòa suo padre il libro autobiografico IlPosto. Il giovane autore pubblica anche un dialogo con il regista Ken Loach,Dialogosull arteela politica (Nave di Teseo).

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi