L’unico modo per combattere la morte è cantare un inno alla vita.

Il testo rivelazione di Massimo Recalcati in scena nella cornice dei Bagni Misteriosi.

Il linguaggio potente incontra lo stile altrettanto forte del regista Valter Malosti in evidente stato di grazia artistica. Il progetto sonoro è del visionario Gup Alcaro, già vincitore di due premi Ubu, da quindici anni al fianco di Malosti nelle sue sperimentazioni. Accanto a lui, il compositore e chitarrista Paolo Spaccamonti, uno dei più originali musicisti dell’avant-rock noto anche a livello internazionale.

A rendere le note e le parole tangibili, i tre straordinari attori Marco Foschi, Federica Fracassi e Danilo Nigrelli, pluripremiati e tra i più amati dalla critica e dal pubblico.

Amen è voci, musiche, ma anche corpo, fatto fisico che arriva addosso, travolge e trascina fuori dagli incubi.

Una preghiera laica sull’amore e la relazione con l’altro come unica possibilità di senso.

– Antonio Sanfrancesco, Famiglia Cristiana


Una nostalgia di infinito e un desiderio di resurrezione che commuove […] Amen incalza in un finale trascinante e liberatorio, come benedizione su ogni aspetto della nostra vita, sulla sua bellezza struggente, sul nostro battito del cuore, sulle nostre paure, sui nostri amori, sulle nostre passioni.

– Angela Calvini, Avvenire


Un linguaggio forte, intenso, che trascina il pubblico al cospetto di queste anime nude. Meravigliosa l’interpretazione della madre di Federica Fracassi che riesce a trasmettere tutti gli intimi moti dell’anima di una donna che non ammette l’opzione di arrendersi e accettare la morte del figlio, mentre tutti intorno a lei attendono rassegnati che ciò che ritengono inevitabile si compia.

– Adelaide Cacace, Mentinfuga.it


Ed è l’Amore, l’altro elemento, quello che permette di andare oltre. Oltre le graffianti parole, lette nello stesso tono cupo a cui fa eco il colore altrettanto cupo e graffiante della musica, che sembra forzare la gabbia della parola e impadronirsi del senso. I tre attori riescono a emozionare nella voce sobria, profonda che vuole fare a meno del corpo.

– Barbara Varriano, Teatro.it


In Amen si rispecchiano efficacia di linguaggio filosofia, psicanalisi, teologia, pensieri sulla vita e sulla morte.[…] Ma soprattutto ne esce l’ enunciazione, nitida e sconvolgente nel suo paradosso, che la vita c’è ben sapendo della morte, proprio come la parola “amen” benedice la luce e insieme annuncia il congedo.

– Anna Bandettini, la Repubblica

17 Settembre 2024

Ti potrebbe interessare

Ti potrebbe interessare

Teatro

La Maria Brasca

4 - 16 Giugno 2024

Un’esplosione di energia che diverte e commuove. Marina Rocco, diretta da Andrée Ruth Shammah, è l’indimenticabile personaggio femminile di Giovanni Testori, una donna autentica e audace, capace di essere felice.

Un’esplosione di energia che diverte e commuove. Marina Rocco, diretta da Andrée Ruth Shammah, è l’indimenticabile personaggio femminile di Giovanni Testori, una donna autentica e audace, capace di essere felice.

Ai Bagni Misteriosi

Princesa

19 Giugno 2024

Un’appassionata, credibile e coinvolgente Vladimir Luxuria – artista, attrice e attivista del movimento LGBTQIA+ – dà voce e corpo a quella Princesa cantata da De André. In scena la dolorosa vicenda di Fernanda Farias De Albuquerque, transessuale brasiliana morta suicida nel 2000, riscritta da Fabrizio Coniglio a partire dalle sue lettere d’amore scritte dal carcere.

Un’appassionata, credibile e coinvolgente Vladimir Luxuria – artista, attrice e attivista del movimento LGBTQIA+ – dà voce e corpo a quella Princesa cantata da De André. In scena la dolorosa vicenda di Fernanda Farias De Albuquerque, transessuale brasiliana morta suicida nel 2000, riscritta da Fabrizio Coniglio a partire dalle sue lettere d’amore scritte dal carcere.

Teatro

Note a margine

27 Giugno 2024

Tornano in scena i Gordi, compagnia residente del Parenti, al loro quarto lavoro dopo Sulla morte senza esagerare, Visite e Pandora. Una veglia funebre, la bara aperta, alcuni paramenti e qualche visitatore: le note a margine sono quei gesti e quelle parole dedicate a chi ormai non c’è più, lo sconfinamento che tenta di comprendere l’incomprensibile.

Tornano in scena i Gordi, compagnia residente del Parenti, al loro quarto lavoro dopo Sulla morte senza esagerare, Visite e Pandora. Una veglia funebre, la bara aperta, alcuni paramenti e qualche visitatore: le note a margine sono quei gesti e quelle parole dedicate a chi ormai non c’è più, lo sconfinamento che tenta di comprendere l’incomprensibile.

Ai Bagni Misteriosi

Io, Ludwig van Beethoven

1 Luglio 2024

Uno straordinario Corrado d’Elia, rende omaggio al genio di uno dei più grandi compositori di tutti i tempi, Ludwig van Beethoven. Chiudiamo gli occhi e ascoltiamo come mai abbiamo fatto prima.

Uno straordinario Corrado d’Elia, rende omaggio al genio di uno dei più grandi compositori di tutti i tempi, Ludwig van Beethoven. Chiudiamo gli occhi e ascoltiamo come mai abbiamo fatto prima.