Cartellone 2023 - 2024 / Teatro

Esodo

Racconto per voce, parole e immagini sull’esodo istriano, fiumano e dalmata

Cartellone 2023 - 2024 / Teatro

Esodo

Racconto per voce, parole e immagini sull’esodo istriano, fiumano e dalmata

Uno spettacolo necessario e poetico, fatto di ricordi e testimonianze. Un racconto per voce, musica e immagini che assume la forma di una partitura finissima, delicata, per narrare una pagina complessa del nostro Novecento.

Con il Trattato di Pace del 1947, dopo la sconfitta nella II Guerra Mondiale, l’Italia perse vasti territori dell’Istria e della Dalmazia in favore della Jugoslavia e, con l’avvento della dittatura comunista di Tito, oltre 300 mila persone scelsero con dolore di lasciare le loro terre natali destinate a non essere più italiane.

Simone Cristicchi è il narratore coraggioso di quest’Esodo, del loro stato d’animo e della sofferenza con cui intere famiglie impacchettarono le loro cose lasciandosi alle spalle città, amori, amicizie, mestieri, radici. Dà voce e corpo ai sentimenti, ma anche ai letti, alle stoviglie, ai giocattoli, alle fotografie, a quei beni comuni degli italiani in fuga, conservati nel Magazzino 18 del porto vecchio di Trieste.

Un racconto intimo e personale diventa un grido energico e collettivo.

5 Febbraio 2024

Ti potrebbe interessare

Ti potrebbe interessare

Teatro

Il male dei ricci

Fabrizio Gifuni in scena con Pasolini
27 - 29 Maggio 2024

Fabrizio Gifuni ci porta “dentro” le giornate dei Ragazzi di vita di Pasolini: ci restituisce la loro generosità e i loro egoismi, in un percorso che è anche un rito di passaggio dall’infanzia alla prima giovinezza. Uno spettacolo necessario.

Fabrizio Gifuni ci porta “dentro” le giornate dei Ragazzi di vita di Pasolini: ci restituisce la loro generosità e i loro egoismi, in un percorso che è anche un rito di passaggio dall’infanzia alla prima giovinezza. Uno spettacolo necessario.

Teatro

Paolo Sorrentino vieni devo dirti una cosa

21 - 26 Maggio 2024

In scena il giovane talento comico Giuseppe Scoditti del collettivo Contenuti Zero. Con meravigliosa libertà, leggerezza espressiva e ironia, offre uno spettacolo divertentissimo e intelligente, sui paradossi di oggi, sulla forza dei sogni e sulla difficoltà di realizzarli. Regia Gabriele Gerets Albanese.

In scena il giovane talento comico Giuseppe Scoditti del collettivo Contenuti Zero. Con meravigliosa libertà, leggerezza espressiva e ironia, offre uno spettacolo divertentissimo e intelligente, sui paradossi di oggi, sulla forza dei sogni e sulla difficoltà di realizzarli. Regia Gabriele Gerets Albanese.

Teatro

La trota

28 Maggio - 2 Giugno 2024

Dario D’Ambrosi, uno dei maggiori artisti d’avanguardia italiani e fondatore del Teatro Patologico, in uno dei suoi spettacoli più celebri. Un monologo che affronta in maniera originale il tema della solitudine, unendolo alla tragedia della follia.

Dario D’Ambrosi, uno dei maggiori artisti d’avanguardia italiani e fondatore del Teatro Patologico, in uno dei suoi spettacoli più celebri. Un monologo che affronta in maniera originale il tema della solitudine, unendolo alla tragedia della follia.

Teatro

La Maria Brasca

4 - 16 Giugno 2024

Dopo il grande successo di pubblico e critica della scorsa stagione, torna in scena La Maria Brasca di Andrée Ruth Shammah, la storia al femminile disegnata negli anni ‘60 con efficace realismo sociale dal grande drammaturgo Giovanni Testori. Con Marina Rocco.

Dopo il grande successo di pubblico e critica della scorsa stagione, torna in scena La Maria Brasca di Andrée Ruth Shammah, la storia al femminile disegnata negli anni ‘60 con efficace realismo sociale dal grande drammaturgo Giovanni Testori. Con Marina Rocco.