Si avvisa il gentile pubblico che giovedì 18 Aprile in via straordinaria il foyer NON sarà accessibile e i servizi di bar e guardaroba NON saranno attivi. Ci scusiamo per il disagio.

AVVISO: giovedì 18.04 il foyer NON è accessibile e NON sono attivi bar e guardaroba.

Cartellone 2023 - 2024 / Teatro

Il male dei ricci

Fabrizio Gifuni in scena con Pasolini

Cartellone 2023 - 2024 / Teatro

Il male dei ricci

Fabrizio Gifuni in scena con Pasolini

Fabrizio Gifuni ritorna alle pagine di Pasolini con una nuova drammaturgia originale.

La rilettura di Ragazzi di vita – romanzo d’esordio dello scrittore – arricchita con altri scritti pasoliniani (poesie, lettere, editoriali, interviste), dà vita a un racconto personale, inedito e sorprendente.

L’attore si fa carico di portarci dentro le giornate di questi giovani ragazzi, ci restituisce la loro generosità e i loro egoismi, il comico, il tragico, il grottesco, la violenza di questo sciame umano che dai palazzoni delle periferie si muove verso il centro. Ma il corpo/voce di Gifuni ci costringe allo stesso tempo a misurarci con un fantasma poetico: una voce inquieta che continua a reclamare un ascolto. Ancora oggi in direzione ostinata e contraria.

Gifuni flette il corpo, pervaso come corda di violino dalle note vibranti di quegli scritti. L’attore si agita, sedendo, alzandosi, scoordinandosi in maniera febbrile. Scuote la platea, violando la quarta parete.
L’attacco è alla civiltà materialistica, matrigna di una devastante omologazione. […] Un teatro epico, emotivamente spiazzante eppure dotato di una forte lucidità nel prefigurare le derive dell’Italia dei nostri anni: dal consumismo alla crisi politica e sociale, da Tangentopoli al partito degli influencer. […] Un rituale esilarante e pensoso, doloroso e liberatorio.

– Vincenzo Sardelli, klpteatro.it

 

27 - 29 Maggio 2024

Acquista

Ti potrebbe interessare

Ti potrebbe interessare

Teatro
La Grande Età, insieme

Chi come me

Il nuovo spettacolo di Andrée Ruth Shammah
5 Aprile - 4 Maggio 2024

Uno spettacolo che interpella e commuove il pubblico. Gli spettatori sono coinvolti fin dal loro ingresso nella nuova sala, che è anche scena dell’allestimento. Di Roy Chen, adattamento, regia e costumi di Andrée Ruth Shammah.

Uno spettacolo che interpella e commuove il pubblico. Gli spettatori sono coinvolti fin dal loro ingresso nella nuova sala, che è anche scena dell’allestimento. Di Roy Chen, adattamento, regia e costumi di Andrée Ruth Shammah.

Teatro

Oliva Denaro

12 - 21 Aprile 2024

Ambra Angiolini porta in scena la storia di Oliva Denaro, dall’omonimo libro candidato al Premio Strega 2022. Un romanzo di struggente bellezza, ispirato dalla reale vicenda di Franca Viola, la ragazza siciliana che a metà degli anni ‘60 fu la prima, dopo aver subito violenza, a rifiutare il cosiddetto “matrimonio riparatore”. Regia Giorgio Gallione.

Ambra Angiolini porta in scena la storia di Oliva Denaro, dall’omonimo libro candidato al Premio Strega 2022. Un romanzo di struggente bellezza, ispirato dalla reale vicenda di Franca Viola, la ragazza siciliana che a metà degli anni ‘60 fu la prima, dopo aver subito violenza, a rifiutare il cosiddetto “matrimonio riparatore”. Regia Giorgio Gallione.

Teatro

La Libertà. Primo episodio

di e con Paolo Nori
28 - 29 Aprile 2024

Scrittore e professore di letteratura russa, Paolo Nori, accompagnato dalle musiche originali composte da Alessandro Nidi, parla, racconta e si racconta, attraverso due figure straordinarie della letteratura russa, Daniil Charms e Iosif Brodskij.

Scrittore e professore di letteratura russa, Paolo Nori, accompagnato dalle musiche originali composte da Alessandro Nidi, parla, racconta e si racconta, attraverso due figure straordinarie della letteratura russa, Daniil Charms e Iosif Brodskij.

Teatro

La madre di Eva

30 Aprile - 5 Maggio 2024

Uno spettacolo toccante, liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Silvia Ferreri, finalista Premio Strega nel 2018. Un percorso tra due generazioni per riconoscere la diversità come un valore. Con Stefania Rocca.

Uno spettacolo toccante, liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Silvia Ferreri, finalista Premio Strega nel 2018. Un percorso tra due generazioni per riconoscere la diversità come un valore. Con Stefania Rocca.