Cartellone 2023 - 2024 / TeatroAi Bagni Misteriosi

Entrelinhas

PRESENTE INDICATIVO | Milano Porta Europa

Cartellone 2023 - 2024 / TeatroAi Bagni Misteriosi

Entrelinhas

PRESENTE INDICATIVO | Milano Porta Europa

Il Festival Presente indicativo del Piccolo Teatro fa tappa ai Bagni Misteriosi del Parenti.

Con una performance che gli è valsa una nomination per il premio come miglior attore dell’anno di Time Out, Tónan Quito accompagna il pubblico in una profonda riflessione sull’arte dell’interpretazione e sulla potenza del Teatro.

In un labirinto narrativo, il dramma fonde l’Edipo re di Sofocle con le lettere di un prigioniero a sua madre, scritte tra le righe – Entrelinhas appunto – di un’edizione della tragedia greca trovata nella biblioteca del carcere. E questa vicenda si intreccia a sua volta con quella di un attore, lo stesso Quito, che non ha potuto portare in scena il monologo promessogli da Tiago Rodrigues.

Tiago Rodrigues. Direttore del Festival d’Avignon da Settembre 2022, è attore, regista, autore, produttore, nonché fondatore, con Magda Bizarro, della compagnia Mundo Perfeito (2003). Tra i suoi lavori più importanti, premiati con numerosi riconoscimenti in Portogallo – dove è stato direttore artistico del Teatro Nacional D. Maria II di Lisbona dal 2015 al 2021 – e all’estero: By Heart (2013), António e Cléopatra (2014), Bovary (2014) e Sopro (2017). Le sue opere più recenti sono Catarina e a beleza de matar fascistas (2020), La Cerisaie (Festival d’Avignon, 2021), Chœur des Amants (2021) e Dans la mesure de l’impossible (2022), realizzato per la Comédie de Genève in coproduzione con il Piccolo Teatro, di cui è artista associato, e presentato in occasione della prima edizione di Presente indicativo.

7 - 8 Maggio 2024

Ti potrebbe interessare

Ti potrebbe interessare

Teatro

Il male dei ricci

Fabrizio Gifuni in scena con Pasolini
27 - 29 Maggio 2024

Fabrizio Gifuni ci porta “dentro” le giornate dei Ragazzi di vita di Pasolini: ci restituisce la loro generosità e i loro egoismi, in un percorso che è anche un rito di passaggio dall’infanzia alla prima giovinezza. Uno spettacolo necessario.

Fabrizio Gifuni ci porta “dentro” le giornate dei Ragazzi di vita di Pasolini: ci restituisce la loro generosità e i loro egoismi, in un percorso che è anche un rito di passaggio dall’infanzia alla prima giovinezza. Uno spettacolo necessario.

Teatro

Paolo Sorrentino vieni devo dirti una cosa

21 - 26 Maggio 2024

In scena il giovane talento comico Giuseppe Scoditti del collettivo Contenuti Zero. Con meravigliosa libertà, leggerezza espressiva e ironia, offre uno spettacolo divertentissimo e intelligente, sui paradossi di oggi, sulla forza dei sogni e sulla difficoltà di realizzarli. Regia Gabriele Gerets Albanese.

In scena il giovane talento comico Giuseppe Scoditti del collettivo Contenuti Zero. Con meravigliosa libertà, leggerezza espressiva e ironia, offre uno spettacolo divertentissimo e intelligente, sui paradossi di oggi, sulla forza dei sogni e sulla difficoltà di realizzarli. Regia Gabriele Gerets Albanese.

Teatro

La trota

28 Maggio - 2 Giugno 2024

Dario D’Ambrosi, uno dei maggiori artisti d’avanguardia italiani e fondatore del Teatro Patologico, in uno dei suoi spettacoli più celebri. Un monologo che affronta in maniera originale il tema della solitudine, unendolo alla tragedia della follia.

Dario D’Ambrosi, uno dei maggiori artisti d’avanguardia italiani e fondatore del Teatro Patologico, in uno dei suoi spettacoli più celebri. Un monologo che affronta in maniera originale il tema della solitudine, unendolo alla tragedia della follia.

Teatro

La Maria Brasca

4 - 16 Giugno 2024

Dopo il grande successo di pubblico e critica della scorsa stagione, torna in scena La Maria Brasca di Andrée Ruth Shammah, la storia al femminile disegnata negli anni ‘60 con efficace realismo sociale dal grande drammaturgo Giovanni Testori. Con Marina Rocco.

Dopo il grande successo di pubblico e critica della scorsa stagione, torna in scena La Maria Brasca di Andrée Ruth Shammah, la storia al femminile disegnata negli anni ‘60 con efficace realismo sociale dal grande drammaturgo Giovanni Testori. Con Marina Rocco.