Si avvisa il gentile pubblico che giovedì 18 Aprile in via straordinaria il foyer NON sarà accessibile e i servizi di bar e guardaroba NON saranno attivi. Ci scusiamo per il disagio.

AVVISO: giovedì 18.04 il foyer NON è accessibile e NON sono attivi bar e guardaroba.

Cartellone 2023 - 2024 / Teatro

Il racconto dell’ancella

© Pino Le Pera
Cartellone 2023 - 2024 / Teatro

Il racconto dell’ancella

© Pino Le Pera
© Pino Le Pera

Viola Graziosi incanta il pubblico con un monologo drammatico e di sorprendente attualità, tratto dal romanzo del 1985 di Margaret Atwood, tornato alla ribalta dopo il grande successo della serie televisiva The Handmaid’s Tale.

Una rappresentazione estrema e paradossale di un futuro distopico, in cui le donne sono sorvegliate, dominate da rigide regole imposte dagli uomini e divise in categorie secondo il colore dei vestiti: in azzurro le Mogli dei Comandanti, inerti e privilegiate; in verde le Marte, anziane sterili che si dedicano ai servizi domestici; in marrone le Zie, guardiane e sorveglianti; e in rosso le Ancelle, le uniche in grado di procreare e dunque sottomesse per essere fecondate. Nessuna può disobbedire, pena la morte o la deportazione.

In scena la confessione di un’ancella che porta in sé l’urgenza di una domanda che brucia. Il suo è un racconto rivolto proprio a noi, donne e uomini di questa società contemporanea. L’ancella ci interroga sulla libertà, in particolare su quelle delle donne. E soprattutto su ciò che ne facciamo, sulla nostra responsabilità. Diventa un simbolo, ma anche l’incubo di un futuro prossimo possibile, un monito che ci tiene in guardia.

Viola Graziosi è abile nel tenere lo spettatore incollato alla poltrona, lo coinvolge, lo pungola, quasi a volerne provocare la reazione. Lo chiama in causa con domande retoriche che paiono vere, chiede a gran voce cosa sia la Libertà, cosa l’Amore; si rivolge alla platea a volto scoperto o sotto le grandi falde del bianco cappello che indossa, un cappello così ingombrante da impedire quasi di vedere e di essere vista: la divisa dell’ancella, al tempo stesso protezione e gabbia. Le musiche di Riccardo Amorese giocano un ruolo essenziale, disturbanti come sono, con il volume alto che induce a un ascolto attentissimo.

– tg24.sky.it


Viola Graziosi con impeccabile stile, algida e nostalgica, si veste, si spoglia, si sottopone al rito fecondatore con la grazia ferita di una giovane donna che ha perduto il suo ruolo sociale per transitare in una zona deserta di sentimenti, di sogni, di speranze.

– Anna Di Mauro, Il mestiere del critico

8 - 12 Maggio 2024

Acquista

Ti potrebbe interessare

Ti potrebbe interessare

Teatro

Il male dei ricci

Fabrizio Gifuni in scena con Pasolini
27 - 29 Maggio 2024

Fabrizio Gifuni ci porta “dentro” le giornate dei Ragazzi di vita di Pasolini: ci restituisce la loro generosità e i loro egoismi, in un percorso che è anche un rito di passaggio dall’infanzia alla prima giovinezza. Uno spettacolo necessario.

Fabrizio Gifuni ci porta “dentro” le giornate dei Ragazzi di vita di Pasolini: ci restituisce la loro generosità e i loro egoismi, in un percorso che è anche un rito di passaggio dall’infanzia alla prima giovinezza. Uno spettacolo necessario.

Teatro
La Grande Età, insieme

Chi come me

Il nuovo spettacolo di Andrée Ruth Shammah
5 Aprile - 4 Maggio 2024

Uno spettacolo che interpella e commuove il pubblico. Gli spettatori sono coinvolti fin dal loro ingresso nella nuova sala, che è anche scena dell’allestimento. Di Roy Chen, adattamento, regia e costumi di Andrée Ruth Shammah.

Uno spettacolo che interpella e commuove il pubblico. Gli spettatori sono coinvolti fin dal loro ingresso nella nuova sala, che è anche scena dell’allestimento. Di Roy Chen, adattamento, regia e costumi di Andrée Ruth Shammah.

Teatro

Oliva Denaro

12 - 21 Aprile 2024

Ambra Angiolini porta in scena la storia di Oliva Denaro, dall’omonimo libro candidato al Premio Strega 2022. Un romanzo di struggente bellezza, ispirato dalla reale vicenda di Franca Viola, la ragazza siciliana che a metà degli anni ‘60 fu la prima, dopo aver subito violenza, a rifiutare il cosiddetto “matrimonio riparatore”. Regia Giorgio Gallione.

Ambra Angiolini porta in scena la storia di Oliva Denaro, dall’omonimo libro candidato al Premio Strega 2022. Un romanzo di struggente bellezza, ispirato dalla reale vicenda di Franca Viola, la ragazza siciliana che a metà degli anni ‘60 fu la prima, dopo aver subito violenza, a rifiutare il cosiddetto “matrimonio riparatore”. Regia Giorgio Gallione.

Teatro

La Libertà. Primo episodio

di e con Paolo Nori
28 - 29 Aprile 2024

Scrittore e professore di letteratura russa, Paolo Nori, accompagnato dalle musiche originali composte da Alessandro Nidi, parla, racconta e si racconta, attraverso due figure straordinarie della letteratura russa, Daniil Charms e Iosif Brodskij.

Scrittore e professore di letteratura russa, Paolo Nori, accompagnato dalle musiche originali composte da Alessandro Nidi, parla, racconta e si racconta, attraverso due figure straordinarie della letteratura russa, Daniil Charms e Iosif Brodskij.