© Laura Farneti
Cartellone 2024 - 2025 / Teatro

La sparanoia

Atto unico senza feriti gravi purtroppo

Cartellone 2024 - 2025 / Teatro

La sparanoia

Atto unico senza feriti gravi purtroppo

© Laura Farneti
© Laura Farneti

“Felice repressione, a tutti. Dal profondo del cuore.”

In scena un manifesto incendiario della generazione Z.

Con cinico surrealismo e al ritmo di rapide stilettate dialogiche, i pluripremiati Fettarappa e Guerrieri indagano il peso del mondo che grava su “i giovani” ormai addomesticati, su serial killer narcolettici che, invece che conquistare la piazza, sonnecchiano su un cuscino. Una generazione che preferisce, alle strategie d’attacco, le previsioni meteo e i lavaggi delicati.

Ma allora, che farsene di una bomba? Scagliarla come una molotov contro qualcuno, in un attimo di vitalità terroristica? O piuttosto lasciarla lì e aspettare che si spenga? Disinnescarla, disinnescarci.

Un’acuta, sottile e amara riflessione di un giovane, sulla morte della Sinistra e sulla tranquilla remissività della sua generazione ormai imperturbabile ai soprusi sociali e culturali.

In un incalzante scambio di parti, i due attori ci spiattellano, con vivacità performativa, tutte le colpe di quella generazione ormai matura che non è riuscita a donare ai giovani un futuro certo, determinando insoddisfazione, repressione, depressione e ansia.

Con feroce cinismo al ritmo di rapide stilettate dialogiche […] Fettarappa e Guerrieri ci fanno sentire il crepitio della miccia che brucia ma la bomba rivoluzionaria non solo non esplode ma farà di peggio, ringrazia. Una sequela di “grazie” finali stringono il cappio della miserevole condizione di chi ha sognato di fare politica, semmai si è pure dichiarato anticapitalista a piedi scalzi, cantando Jovanotti, bevendo un succhetto, senza avere la consapevolezza critica per accorgersi che stava gradualmente trasformando il pugno chiuso in un destro, di destra, da darsi dritto in faccia.

– Lucia Medri, Teatroecritica.net


Un racconto ironico e dinamico su quel che resta della sinistra nella politica e nel costume di oggi. I due protagonisti si alternano in una serpentina di notizie, gag, giochi di parole e situazioni grottesche, in cui si cerca di indagare con ironia pungente la sinistra di oggi, o quel che ne resta. Il pubblico è estasiato dal racconto irriverente e dinamico e non disdegna grasse risate, e gli attori rompono la quarta parete: dialogano col pubblico, scendono in platea per inscenare la lotta armata con le pistole ad acqua…

La sparanoia mette ironicamente a nudo la sinistra di oggi. E così dall’ilarità di un racconto ironico e accattivante, in un attimo ci si sente avvinghiati da una profonda nostalgia per una sinistra, una politica che non esiste più, in un lampo ci si sente orfani di un mondo lento, fatto di comizi, tribune parlamentari in tv e ideali, da tempo sul viale del tramonto, ma forse più autentici.

– Martina Corsi, Gufetto Press

1 - 13 Aprile 2025

Ti potrebbe interessare

Ti potrebbe interessare

Teatro

Lo zoo di vetro

17 Ottobre - 10 Novembre 2024

Tom, giovane poeta travestito da magazziniere – alter ego dell’autore Tennessee Williams – ci conduce nei meandri della sua memoria ripercorrendo le vicende del suo dramma familiare. Con Francesco Sferrazza Papa, Valentina Bartolo, Zoe Zolferino, Luca Carbone. Regia Luigi Siracusa.

Tom, giovane poeta travestito da magazziniere – alter ego dell’autore Tennessee Williams – ci conduce nei meandri della sua memoria ripercorrendo le vicende del suo dramma familiare. Con Francesco Sferrazza Papa, Valentina Bartolo, Zoe Zolferino, Luca Carbone. Regia Luigi Siracusa.

Teatro

Note a margine

7 - 15 Novembre 2024

Così la cerimonia funebre diviene un’ultima tragica commedia della vita. In scena una bara aperta, alcuni paramenti e qualche visitatore, l’ultimo lavoro dei Gordi, compagnia residente del Parenti.

Così la cerimonia funebre diviene un’ultima tragica commedia della vita. In scena una bara aperta, alcuni paramenti e qualche visitatore, l’ultimo lavoro dei Gordi, compagnia residente del Parenti.

Teatro

Letizia va alla guerra

La suora, la sposa e la puttana
3 - 8 Dicembre 2024

Un racconto tragicomico, di tenerezza e verità, un omaggio alle vite preziose di persone “comuni”, che, pur senza esserne protagoniste, hanno fatto la Storia. Tre grandi donne, due guerre mondiali, un sottile fil rouge a unirle: uno stesso nome, un unico destino.

Un racconto tragicomico, di tenerezza e verità, un omaggio alle vite preziose di persone “comuni”, che, pur senza esserne protagoniste, hanno fatto la Storia. Tre grandi donne, due guerre mondiali, un sottile fil rouge a unirle: uno stesso nome, un unico destino.

Teatro

In stato di grazia

Favola inchiesta ispirata a Pinocchio interpretata da otto bambini con e senza disabilità
17 - 22 Dicembre 2024

Al centro dello spettacolo la relazione tra Pinocchio e Geppetto, e più in generale quella tra genitori e figli, in una narrazione al confine tra immaginario e reale che dà voce ai conflitti, alle paure, ai limiti con cui convivere, ma anche all’amore, al coraggio e ai traguardi raggiunti e da raggiungere. Regia e ideazione Francesca Merli.

Al centro dello spettacolo la relazione tra Pinocchio e Geppetto, e più in generale quella tra genitori e figli, in una narrazione al confine tra immaginario e reale che dà voce ai conflitti, alle paure, ai limiti con cui convivere, ma anche all’amore, al coraggio e ai traguardi raggiunti e da raggiungere. Regia e ideazione Francesca Merli.