In scena una bara aperta, alcuni paramenti e qualche visitatore. Così la cerimonia funebre diviene un’ultima tragica commedia della vita.

Nei rituali la morte deve sembrare un riposo, il defunto ancora presente, il dolore unanime e la cerimonia aderente alle ultime o presunte volontà. Ma queste premesse s’infrangono sempre contro le diverse verità dei congiunti, gli imprevisti, l’impaccio e i differenti modi di affrontare un lutto.

C’è chi beve una birra col morto, chi risponde al telefono, chi piange disperato, chi non riesce proprio a piangere

LA COMPAGNIA
Compagnia teatrale residente al Parenti I Gordi sono fondati e costituiti da gruppo di artisti diplomati alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Dal 2010 si incontrano e lavorano insieme per creare spettacoli teatrali, condividere esperienze di formazione e realizzare progetti culturali. Si nutrono di incontri e di collaborazioni e nelle proposte artistiche difendono il lavoro di creazione collettiva. Con il progetto T.R.E – Teatro in rete per emergere (2015) i Gordi vincono il bando Funder35 di Fondazione Cariplo, potenziando la loro struttura organizzativa. Dal 2015 la compagnia centra la propria ricerca su un teatro non verbale, fisico, per attori con maschere e senza maschere, che mira a superare le barriere linguistiche con il pubblico. Dal 2017 nasce una bella relazione artistica produttiva con il Teatro Franco Parenti che diventa il produttore dei suoi lavori.
Nel 2019 la Compagnia riceve il Premio Hystrio–Iceberg che menziona I Gordi come uno dei gruppi più interessanti della scena teatrale milanese e italiana. Nel 2020 ricevono il Premio nazionale della critica teatrale e nello stesso anno debuttano con il loro ultimo spettacolo alla Biennale di Venezia con Pandora che completa un’ideale “trilogia della soglia”: in Sulla morte senza esagerare la soglia è lo spazio tra l’aldiquà e l’aldilà, in Visite tra il presente e il passato; in Pandora la soglia è il corpo, che, con la sua straziante fragilità, separa e congiunge noi e il mondo.

7 - 15 Novembre 2024

prenota

Ti potrebbe interessare

Ti potrebbe interessare

Teatro

Lear La ruota gigante

1 Ottobre 2024

Un collage di impressioni e di appunti che cerca di restituire la natura lussureggiante del Re Lear di Shakespeare, un’opera senza tempo capace di raccontare i crudi, volgari e beffardi attributi dell’umanità. Compagnia Scena Nuda.

Un collage di impressioni e di appunti che cerca di restituire la natura lussureggiante del Re Lear di Shakespeare, un’opera senza tempo capace di raccontare i crudi, volgari e beffardi attributi dell’umanità. Compagnia Scena Nuda.

Teatro

La festa di fine anno

2 - 11 Ottobre 2024

Uno studio antropologico, una radiografia della contemporaneità che vuole portare lo spettatore a riflettere sulla perenne condizione pre-giudicante che si ha rispetto a un altro essere umano. Di Salvatore Cannova.

Uno studio antropologico, una radiografia della contemporaneità che vuole portare lo spettatore a riflettere sulla perenne condizione pre-giudicante che si ha rispetto a un altro essere umano. Di Salvatore Cannova.

Teatro

Camera d’aria – Beckett & Kagel & Magritte

... riti d’arte per onironauti contemporanei
6 - 7 Ottobre 2024

Musica, danza, mimo e recitazione si intrecciano facendo dialogare i mondi visivi e sonori di Beckett, Kagel e Magritte, in un’unione tra teatro dell’assurdo, teatro strumentale e Tanz Theater. In scena Laura Faoro, flautista e performer, Lara Guidetti, danzatrice e coreografa, Lorenzo Pagliei, live electronics.

Musica, danza, mimo e recitazione si intrecciano facendo dialogare i mondi visivi e sonori di Beckett, Kagel e Magritte, in un’unione tra teatro dell’assurdo, teatro strumentale e Tanz Theater. In scena Laura Faoro, flautista e performer, Lara Guidetti, danzatrice e coreografa, Lorenzo Pagliei, live electronics.

Teatro

Lo zoo di vetro

17 Ottobre - 10 Novembre 2024

Tom, giovane poeta travestito da magazziniere – alter ego dell’autore Tennessee Williams – ci conduce nei meandri della sua memoria ripercorrendo le vicende del suo dramma familiare. Con Francesco Sferrazza Papa, Valentina Bartolo, Zoe Zolferino, Luca Carbone. Regia Luigi Siracusa.

Tom, giovane poeta travestito da magazziniere – alter ego dell’autore Tennessee Williams – ci conduce nei meandri della sua memoria ripercorrendo le vicende del suo dramma familiare. Con Francesco Sferrazza Papa, Valentina Bartolo, Zoe Zolferino, Luca Carbone. Regia Luigi Siracusa.