Cartellone 2023 - 2024 / Teatro

Il sentiero dei nidi di ragno

Un percorso di parole e musica per Italo Calvino

Cartellone 2023 - 2024 / Teatro

Il sentiero dei nidi di ragno

Un percorso di parole e musica per Italo Calvino

Tra teatro e musica, un omaggio al grande scrittore Italo Calvino che scelse di raccontare l’esperienza partigiana attraverso gli occhi di un monello.

In un piccolo paese della Liguria, durante gli anni della Resistenza e dell’occupazione nazista, Pin, piccolo orfano isolato dai coetanei, vive con la sorella Rina, prostituta dei tedeschi. Il bambino passa le sue giornate tra gli adulti filtrando il loro mondo con il suo sguardo ingenuo e innocente. Per farsi apprezzare dai partigiani arriva a rubare la pistola a un soldato tedesco.

Da qui nasce tutto il resto: la prigione, la fuga… Dietro a ogni gesto di Pin c’è il disperato desiderio di far parte di un mondo. Ma ogni volta, si sente più solo che mai. Allora torna nell’unico luogo dove tutto è possibile, un luogo nascosto tra i nidi di ragno.

L’indicibile, le tragedie, gli eroismi, gli impensati slanci e i tormenti delle coscienze diventano inaspettatamente un mondo scanzonato, quasi allegro per rendere conto di un momento, così cruciale nella nostra Storia: quello della Resistenza.

Quando cominciai a sviluppare un racconto sul personaggio d’un ragazzetto partigiano che avevo conosciuto nelle bande, non pensavo che m’avrebbe preso più spazio degli altri. Perché si trasformò in un romanzo? Perché – compresi poi – l’identificazione tra me e il protagonista era diventata qualcosa di più complesso.

– Italo Calvino


L’astuzia di Calvino, scoiattolo di penna, è stata questa, di arrampicarsi sulle piante, più per gioco che per paura, e osservare la vita partigiana come una favola di bosco, clamorosa, variopinta, “diversa”.

– Cesare Pavese, nella postfazione al romanzo

16 - 21 Luglio 2024

Acquista

Ti potrebbe interessare

Ti potrebbe interessare

Teatro

Note a margine

27 Giugno 2024

Tornano in scena i Gordi, compagnia residente del Parenti, al loro quarto lavoro dopo Sulla morte senza esagerare, Visite e Pandora. Una veglia funebre, la bara aperta, alcuni paramenti e qualche visitatore: le note a margine sono quei gesti e quelle parole dedicate a chi ormai non c’è più, lo sconfinamento che tenta di comprendere l’incomprensibile.

Tornano in scena i Gordi, compagnia residente del Parenti, al loro quarto lavoro dopo Sulla morte senza esagerare, Visite e Pandora. Una veglia funebre, la bara aperta, alcuni paramenti e qualche visitatore: le note a margine sono quei gesti e quelle parole dedicate a chi ormai non c’è più, lo sconfinamento che tenta di comprendere l’incomprensibile.

Ai Bagni Misteriosi

Io, Ludwig van Beethoven

1 Luglio 2024

Uno straordinario Corrado d’Elia, rende omaggio al genio di uno dei più grandi compositori di tutti i tempi, Ludwig van Beethoven. Chiudiamo gli occhi e ascoltiamo come mai abbiamo fatto prima.

Uno straordinario Corrado d’Elia, rende omaggio al genio di uno dei più grandi compositori di tutti i tempi, Ludwig van Beethoven. Chiudiamo gli occhi e ascoltiamo come mai abbiamo fatto prima.

Musica

Quartetto in festa

Musica, Spettacolo, Sorprese!
8 Luglio 2024

Il foyer del Parenti si anima con Alinde Quartett per un concerto emozionante, in cui la musica si fonde con il folklore e il teatro. Tarantelle, serenate, danze tedesche e saltarelli italiani in un vivace scambio di ritmi e armonie.

Il foyer del Parenti si anima con Alinde Quartett per un concerto emozionante, in cui la musica si fonde con il folklore e il teatro. Tarantelle, serenate, danze tedesche e saltarelli italiani in un vivace scambio di ritmi e armonie.

Ai Bagni Misteriosi

djONISO

9 Luglio 2024

Un viaggio tra teatro e musica alla ricerca di Dioniso, quel dio liberatore, fuori da ogni schema, che è anticonformismo, energia vivente. Sul palco Lucilla Giagnoni, accompagnata dalla narrazione sonora del dj Alessio Bertallot.

Un viaggio tra teatro e musica alla ricerca di Dioniso, quel dio liberatore, fuori da ogni schema, che è anticonformismo, energia vivente. Sul palco Lucilla Giagnoni, accompagnata dalla narrazione sonora del dj Alessio Bertallot.