Cartellone 2024 - 2025 / Teatro

Il viaggio di Victor

Cartellone 2024 - 2025 / Teatro

Il viaggio di Victor

Un emozionante ritratto di due esseri umani alle prese con la vita, un dramma familiare sorprendente.

Nicolas Bedos, acclamato regista e sceneggiatore francese, racconta con grande empatia le contraddizioni dell’animo umano, indagando senza timidezze le mille sfumature dell’amore: amori che si consumano e si sfaldano nel tempo, amori che resistono alle crisi e ai piccoli e grandi mutamenti. Rapiti da un dialogo che è una continua spirale, ci interroghiamo sulla natura della relazione di un uomo e di una donna che sembrano conoscersi molto più di quel che raccontano.

Grazie a a una parete a led che riflette i protagonisti, il regista Livermore rovescia e frammenta la realtà, a voler suggerire che tutto è vero, ma è vero anche il suo contrario.

Uno spettacolo di forte impatto visivo ed emozionale, realizzato con estrema raffinatezza. Protagonisti Linda Gennari e Antonio Zavatteri, che riempiono la scena e si tramutano in una nitida immagine collettiva.

Il ledwall tanto caro a Livermore qui è usato in modo magistrale. Il muro luminoso elettronico è a terra, a fare da pavimento, e le sue immagini si riflettono al contrario su uno specchio messo di sbieco sopra la scena. Tutto è a specchio, a suggerire che tutto è vero ma è vero anche il suo contrario. Quindi niente è vero. Non c’è più un alto, basso, destra, sinistra. Tutto è specchio, tutto è solo immagine e quindi apparenza. I riflessi sono perlopiù in bianco e nero, sempre a suggerire tutto e il contrario di tutto. I colori, spesso un rosso acceso che si allarga come una macchia d’olio, compaiono durante gli incubi di sonni agitati. E negli incubi le verità e la lucidità, che erano stati messi da parte durante la veglia, esplodono con la loro dolorosa nitidezza. […] Grandissima prova attoriale di Zavatteri e Gennari. Non tutti possono cimentarsi con un testo così. Il pubblico è stato tramortito ma ha capito: lunghi applausi nel finale.

– Paolo Fizzarotti, Teatro.it


Mentre la messinscena “tradizionale” ci mostra gli attori in uno spazio spoglio, geometrico e tendenzialmente vuoto, lo specchio ci rimanda a un universo multiforme di ambienti e colori, che contribuiscono a enfatizzare le emozioni del testo. Due luoghi differenti che, però, non ne costruiscono nessuno, ma al contrario alimentano una indefinitezza spaziale che diventa elemento distintivo della performance. 

– Klpteatro.it


 Uno spettacolo di forte impatto visivo ed emozionale, realizzato con estrema raffinatezza. […] Un viaggio nella mente umana con squarci di ricordi che affiorano qua e là, subito dopo annullati da una nebbia incombente. Livermore racconta quello che lui ha definito in conferenza stampa un “Requiem”, con una scelta visiva originale e vincente. Un grande specchio inclinato e posto sul fondo della scena quasi spoglia, offre al pubblico due visuali contemporanee degli attori e della scena stessa.

– Ansa.it

4 - 9 Febbraio 2025

prenota

Ti potrebbe interessare

Ti potrebbe interessare

Teatro

Ciarlatani

8 - 20 Ottobre 2024

Il pluripremiato drammaturgo e regista spagnolo Pablo Remón porta in scena una commedia esilarante affidandosi al talento indiscusso di Silvio Orlando. Una satira sul mondo del teatro e del cinema, ma anche a una riflessione sul successo, il fallimento e i ruoli che ricopriamo, più in generale, nella vita.

Il pluripremiato drammaturgo e regista spagnolo Pablo Remón porta in scena una commedia esilarante affidandosi al talento indiscusso di Silvio Orlando. Una satira sul mondo del teatro e del cinema, ma anche a una riflessione sul successo, il fallimento e i ruoli che ricopriamo, più in generale, nella vita.

Teatro

Factum est

9 - 13 Ottobre 2024

Uno dei monologhi più intensi del teatro di Giovanni Testori, scritto nel 1980 per un giovane Andrea Soffiantini. Dopo oltre 40 anni di vita vissuta fuori dai circuiti ufficiali, il Parenti presenta lo spettacolo nella forma originaria.

Uno dei monologhi più intensi del teatro di Giovanni Testori, scritto nel 1980 per un giovane Andrea Soffiantini. Dopo oltre 40 anni di vita vissuta fuori dai circuiti ufficiali, il Parenti presenta lo spettacolo nella forma originaria.

Incontri e Libri

Giovedix

10 Ottobre 2024 - 10 Aprile 2025

Tornano gli appuntamenti con Gioele Dix dedicati alle letterature che lo hanno influenzato e appassionato. Tra sorprese e curiosità, leggerezza e profondità, un viaggio letterario declinato al femminile: sette autrici nate nel secolo scorso, tutte con vite ricchissime e rappresentative degli anni travagliati da cui tutti noi proveniamo.

Tornano gli appuntamenti con Gioele Dix dedicati alle letterature che lo hanno influenzato e appassionato. Tra sorprese e curiosità, leggerezza e profondità, un viaggio letterario declinato al femminile: sette autrici nate nel secolo scorso, tutte con vite ricchissime e rappresentative degli anni travagliati da cui tutti noi proveniamo.

Teatro

Cose che so essere vere

Things I Know to Be True
29 Ottobre - 3 Novembre 2024

Un’ode alla famiglia, un’indagine sulla complessità delle sue dinamiche, ma soprattutto una storia che parla di amore. Protagonisti di questa toccante commedia del pluripremiato drammaturgo Andrew Bovellqui al suo primo allestimento italianoValerio Binasco e Giuliana De Sio.

Un’ode alla famiglia, un’indagine sulla complessità delle sue dinamiche, ma soprattutto una storia che parla di amore. Protagonisti di questa toccante commedia del pluripremiato drammaturgo Andrew Bovellqui al suo primo allestimento italianoValerio Binasco e Giuliana De Sio.