Un’appassionata, credibile e coinvolgente Vladimir Luxuria in uno spettacolo potente e toccante che mescola realismo e teatro civile.

Artista, attrice e attivista del movimento LGBTQIA+, Luxuria dà voce e corpo a quella Princesa cantata da Fabrizio De André.

Nata Fernando Farias De Albuquerque nella più povera campagna brasiliana, abusata a otto anni e cresciuta senza padre, già da piccola Princesa non si riconosce nel suo corpo: si trucca, gioca con le bambole e desidera essere altro. Diventa Fernanda cambiando il suo corpo, poi fugge di città in città fino a Roma, trovando solo la via della prostituzione, sfruttatori e uomini incapaci di amarla fino in fondo. Finisce in carcere dove si innamora del suo vicino di cella e nel 2000, tra alcol, droga, la scoperta della propria sieropositività e una condanna per tentato omicidio, Princesa decide di togliersi la vita.

La sua storia, che Fabrizio Coniglio ha riscritto traendo ispirazione da lettere d’amore e testimonianze è, oggi, più attuale che mai.

Appassionata, credibile, coinvolgente. Vladimir Luxuria manifesta piena capacità di percorrere con straordinaria efficacia un range interpretativo a vocazione drammatica piuttosto esteso, che va dall’incubo claustrofobico tipico della vita carceraria, ai ricordi ossessivi di un’adolescenza difficile e martoriata, fino ai demoni interiori vissuti da chi abusa di sostanze stupefacenti. (…) Graditissime le incursioni umoristiche, pur estemporanee e contenute. Interessante l’uso della quarta parete, bucata dapprima dolcemente, poi frantumata violentemente.

Artistsandbrands


Una storia coinvolgente che ha attirato l’attenzione del pubblico presente, rimasto in religioso silenzio fino alla fine, quando si è finalmente lasciato andare in un prolungato applauso.

– Valentina Venturi, il Messaggero

Nel 1996 Fabrizio De André racconta la storia di Fernanda con il brano “Princesa”

Perché Fernanda è proprio una figlia
Come una figlia vuol far l’amore
Ma Fernandino resiste e vomita
E si contorce dal dolore

NOTE DI REGIA – Fabrizio Coniglio

Cosa rende la storia di Princesa così speciale? Così epica da sembrare una tragedia greca ambientata in epoca moderna? Ognuno di noi nella vita ricerca la propria realizzazione, la buona riuscita del proprio demone, come dicono i greci; infatti, per loro lo scopo della vita è la eudaimonia. Realizzare il nostro demone, la nostra virtù, la nostra spinta vitale. Lo spettacolo, tutto tratto da lettere autentiche, ha come ambientazione un carcere. Vedremo i sogni, le malinconie di Princesa, che troverà conforto grazie al rapporto col suo vicino di cella, una relazione che si realizza esclusivamente attraverso la finestra. Con lui nascerà un amore platonico che la salverà dall’inferno. Il personaggio con cui la protagonista interagisce non parla mai, la ascolta soltanto, come avvenne nella realtà. Sarà proprio in carcere che vivrà uno dei momenti più belli della propria vita. Purtroppo, i tormenti della protagonista, paradossalmente, torneranno a farle visita proprio dopo aver abbandonato Rebibbia. Vladimir Luxuria, con la sua interpretazione, restituirà le emozioni e le malinconie di Princesa, sensazioni che ha vissuto anche lei sulla sua pelle. Sarà in tutto e per tutto una interpretazione, che potremmo definire neorealista, in cui lo spettatore non vivrà uno scollamento tra l’interprete e la storia. Tutti i fatti che racconteremo sono reali, e il copione teatrale è frutto di testimonianze e delle lettere d’amore scritte all’ergastolano.

19 Giugno 2024

Acquista

Ti potrebbe interessare

Ti potrebbe interessare

Teatro

La Maria Brasca

4 - 16 Giugno 2024

Un’esplosione di energia che diverte e commuove. Marina Rocco, diretta da Andrée Ruth Shammah, è l’indimenticabile personaggio femminile di Giovanni Testori, una donna autentica e audace, capace di essere felice.

Un’esplosione di energia che diverte e commuove. Marina Rocco, diretta da Andrée Ruth Shammah, è l’indimenticabile personaggio femminile di Giovanni Testori, una donna autentica e audace, capace di essere felice.

Teatro

Note a margine

27 Giugno 2024

Tornano in scena i Gordi, compagnia residente del Parenti, al loro quarto lavoro dopo Sulla morte senza esagerare, Visite e Pandora. Una veglia funebre, la bara aperta, alcuni paramenti e qualche visitatore: le note a margine sono quei gesti e quelle parole dedicate a chi ormai non c’è più, lo sconfinamento che tenta di comprendere l’incomprensibile.

Tornano in scena i Gordi, compagnia residente del Parenti, al loro quarto lavoro dopo Sulla morte senza esagerare, Visite e Pandora. Una veglia funebre, la bara aperta, alcuni paramenti e qualche visitatore: le note a margine sono quei gesti e quelle parole dedicate a chi ormai non c’è più, lo sconfinamento che tenta di comprendere l’incomprensibile.

Ai Bagni Misteriosi

Io, Ludwig van Beethoven

1 Luglio 2024

Uno straordinario Corrado d’Elia, rende omaggio al genio di uno dei più grandi compositori di tutti i tempi, Ludwig van Beethoven. Chiudiamo gli occhi e ascoltiamo come mai abbiamo fatto prima.

Uno straordinario Corrado d’Elia, rende omaggio al genio di uno dei più grandi compositori di tutti i tempi, Ludwig van Beethoven. Chiudiamo gli occhi e ascoltiamo come mai abbiamo fatto prima.

Musica

Quartetto in festa

Musica, Spettacolo, Sorprese!
8 Luglio 2024

Il foyer del Parenti si anima con Alinde Quartett per un concerto emozionante, in cui la musica si fonde con il folklore e il teatro. Tarantelle, serenate, danze tedesche e saltarelli italiani in un vivace scambio di ritmi e armonie.

Il foyer del Parenti si anima con Alinde Quartett per un concerto emozionante, in cui la musica si fonde con il folklore e il teatro. Tarantelle, serenate, danze tedesche e saltarelli italiani in un vivace scambio di ritmi e armonie.