Ai Bagni MisteriosiEventi Percorso Ibsen

Nient’altro che finzioni

Viaggio immaginario sulle tracce di Ibsen

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.


23 Gennaio - 20 Maggio 2018

Foyer alto

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Mostra fotografica di Federica Fracassi e Valentina Tamborra

Si ringrazia: Francesca Alfano Miglietti, Paolo Bazzani, Franco Figari, Linda Pinda Gaarder, Fred Gerkum, Andrea Kerbaker, SynnØve Kristiansen, Sussan Kroken, Casa Editrice Iperborea, Else L’Orange, Antonio Marras, Patrizia Sardo Marras, Samuele Mancini, Luca Micheletti, Viviana Mollica, Roberto Mutti, Elisabeth Ones, Samuele Pellecchia, Reidar, Andrée Ruth Shammah…e tutto il mondomarras.

OPENING 9 MAGGIO H 19.00

Intervengono
Francesca Alfano Miglietti, curatrice per Nonostantemarras
Elisabeth Ones, Direttrice di Tourism Innovation Norway Italy
Luca Micheletti, attore e regista
Federica Fracassi
, attrice
Valentina Tamborra, fotografa

sotto l’Alto Patrocinio di Reale Ambasciata di Norvegia in Italia con il sostegno di Innovation Norvay

in collaborazione con Università degli Studi di Milano | Iperborea
a cura di Associazione Pier Lombardo

Per la stagione teatrale 2017/2018, insieme al regista Luca Micheletti, Federica Fracassi è attrice protagonista di due spettacoli di Henrik Ibsen: Rosmersholm, Il gioco della confessione e Peer Gynt – Un preludio – Tre frammenti per pianoforte e troll, entrambi prodotti dal Teatro Franco Parenti di Milano, che ha condiviso con gli artisti un originale Percorso Ibsen, arricchito da incontri, approfondimenti e dalla mostra fotografica Nient’altro che finzioni/ Nothing but fictions.

Lo spunto del 150° anno dalla nascita di Peer Gynt è alla base della mostra, che, in una sorta di fotoromanzo, miscela ambientazioni nordiche, echi della Norvegia e suggestioni teatrali, in un continuo alternarsi di piani d’invenzione e realtà, persone reali e personaggi di fantasia, tempi e spazi.
In mostra trentadue scatti realizzati da Valentina Tamborra che accompagnano il diario di bordo vergato da Federica Fracassi e che ripercorrono il loro viaggio, in auto e in traghetto, attraverso le lande
norvegesi, da Oslo al Gudbrandsdal, risalendo fino al porto di Ålesund e da lì verso Bergen, per poi fare ritorno nella capitale, passando dalla città natale di Ibsen, Skien.
Il viaggio, in molti punti, ricalca le tappe (raggiunte a piedi, in carrozza, in nave) che Henrik Ibsen aveva toccato nel 1862 e che avrebbero poi costituito l‘ispirazione di Peer Gynt, terminato solo tre anni dopo a Sorrento, in Italia.

  • 1 di 3. ©Valentina Tamborra
  • 2 di 3. ©Valentina Tamborra
  • 3 di 3. ©Valentina Tamborra

Nelle foto Federica si cala nei personaggi femminili del testo originale, crea commistioni di epoche, usi e costumi, mette in relazione il passato con il presente, in un tentativo luminoso di riraccontare Ibsen con un “testo parallelo”. Il progetto Nient’altro che finzioni è stato infatti concepito innanzitutto come un approfondimento e un esperimento drammaturgico, paralleli all’opera e alla realizzazione scenica, come una sorta di “training autorale d’attrice” che, per prepararsi a recitare nell’opera ibseniana, vi si avvicina in un insolito corpo a corpo.
In mostra, grazie ad Ambrogio Paolinelli, 12 figurine Liebig (6 del 1904 e 6 del 1960) su Peer Gynt e i fiordi.

Un viaggio immaginario sulle tracce di Ibsen. Un'escursione in Norvegia, tra le gole. Un diario inesatto. I passi di una donna, i miei inciampi, mentre inseguo gli altri, le altre, i fantasmi di Peer Gynt che mi aspettano già in scena, ingordi del loro stesso ritornare. Un cammino tra anima e sguardo, tra vita e teatro, tracciando strapiombi, picchi, voragini, ombre e luci...
Federica Fracassi
Raccontare la realtà e il sogno, mescolando immaginazione e visione. La macchina fotografica come strumento interpretativo e narrativo. Il ritratto come indagine, la fotografia diventa intima e introspettiva. Farsi osservatrice silenziosa per inseguire e cogliere i diversi volti di una donna che si prepara a diventare altro da sé. Federica, la donna troll, la sposa abbandonata, la donna nera: un volto, quattro anime distinte.
Valentina Tamborra
Evento inserito nel Percorso Ibsen
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.

23 Gennaio - 20 Maggio 2018

Foyer alto

Percorso Ibsen

Percorso Ibsen

20 Gennaio - 20 Maggio 2018

Rosmersholm

Il gioco della confessione
23 Gennaio - 11 Febbraio 2018

Dopo Mephisto, Luca Micheletti e Federica Fracassi proseguono la loro esplorazione dell’universo ibseniano con quest’opera dell’ultima fase della sua vita.

Henrik Ibsen: la verità come processo

Lezione di Fulvio Ferrari
26 Gennaio 2018

I drammi di Ibsen si aprono a nuove letture critiche a ogni generazione di spettatori, a partire dal “thriller” teatrale Rosmersholm.

Sonata di spettri per Henrik Ibsen

Racconto gotico di Luca Scarlini
1 Febbraio 2018

Luca Scarlini parte da Ibsen per raccontare il gotico del Nord Europa tra cinema, letteratura, visioni e musiche, in luoghi sospesi tra cielo e terra.

Impariamo il norvegese con Ibsen

7 Febbraio 2018

La lingua è un fattore identitario fondamentale per la Norvegia moderna e Ibsen vi ha contribuito in modo significativo. Con Andrea Meregalli e Kari Skogen.

Il “mito” dell’autenticità

Café philosophique con Matteo Bonazzi
7 Maggio 2018

In un’epoca come la nostra in cui sembra così difficile orientarsi, quando potremo finalmente dire, alla Peer Gynt, «sono stato veramente me stesso»? Con Matteo Bonazzi.

Peer Gynt: un preludio

(Tre frammenti per pianoforte e troll)

Dopo Rosmersholm Luca Micheletti e Federica Fracassi continuano il percorso Ibsen, accompagnati dal vivo dalle superbe musiche originali di Edvard Grieg.

Il sogno di Peer secondo Edvard Grieg

Lezione di Emilio Sala
17 Maggio 2018

Cosa ci dicono oggi le musiche di Grieg del Peer Gynt ibseniano? E cosa ci dice della musica di Grieg il testo di Ibsen? Emilio Sala s’interroga sul valore delle forme ibride tra teatro e musica.