Archivio / Incontri e LibriLa Grande Età

Tre lezioni di Massimo Recalcati

Il rapporto con il passato: maestri, perdita e nostalgia

Archivio / Incontri e LibriLa Grande Età

Tre lezioni di Massimo Recalcati

Il rapporto con il passato: maestri, perdita e nostalgia

Massimo Recalcati, psicoanalista e saggista tra i piú noti in Italia, prende in esame il rapporto della vita umana con il proprio passato.

Non c’è esistenza che non porti con sé il proprio passato, la propria memoria. Ciascuno di noi proviene da un orizzonte che lo trascende. La vita acquista forma solo se è in grado di soggettivare il suo passato. Di qui l’importanza del rapporto tra le generazioni.

La prima delle tre lezioni tenute da Massimo Recalcati è dedicata alla figura del maestro. È solo l’incontro con la parola luminosa del maestro che può darsi formazione della vita.
La seconda si focalizza sul tema della perdita e del lavoro del lutto che accompagnano inevitabilmente la nostra vita.
La terza e ultima lezione è dedicata all’esperienza della nostalgia, la quale non evoca solo il rimpianto di ciò che è già stato ma, come la luce delle stelle morte, si irradia sul nostro futuro.

Massimo Recalcati, psicoanalista tra i piú noti in Italia, dirige l’IRPA (Istituto di Ricerca di Psicoanalisi Applicata) e nel 2003 ha fondato Jonas Onlus (Centro di clinica psicoanalitica per i nuovi sintomi). Collabora con i quotidiani la Repubblica e La Stampa e insegna all’Università di Verona e allo IULM di Milano. Dirige con Maurizio Balsamo la rivista Frontiere della psicoanalisi. È autore di numerosi libri, tradotti in diverse lingue, tra cui L’uomo senza inconscio (Raffaello Cortina Editore), Il complesso di Telemaco (Feltrinelli) e di una monografia in due volumi su Jacques Lacan (Raffaello Cortina Editore 2012, 2016). Ha pubblicato per Einaudi, tra gli altri, L’ora di lezione, I tabú del mondo, Ritorno a Jean-Paul Sartre. Esistenza, infanzia e desiderio.